Obiettivi climatici 2020: l’impegno delle multinazionali

30 Dic 2020Sostenibilità

Negli ultimi anni, numerose multinazionali si sono impegnate per raggiungere le emissioni zero, sollecitate sia dagli investitori che dai consumatori. Nella maggior parte dei casi, però, l’obiettivo non sarà raggiunto prima della metà del secolo.

Nel 2015, alcune grandi aziende statunitensi hanno risposto alla call dell’amministrazione Obama, in relazione agli obiettivi posti dall’Accordo di Parigi, individuando nel 2020 la deadline per raggiungere obiettivi di sostenibilità a breve termine. Firmando il cosiddetto “American Business Act on Climate Pledge”, gli amministratori delegati di grandi realtà industriali come Johnson & Johnson e Pacific Gas and Electric Co., per citarne alcune, hanno sottoscritto obiettivi quinquennali multipli riguardanti energia, emissioni e rifiuti.

Essendo prossima la fine dell’anno, è ora di controllare a che punto sono.

Per poter svolgere una ricerca approfondita, ci siamo affidati al rapporto di Bloomberg Green, che ha analizzato ben 187 provvedimenti contro il #climatechange che avrebbero dovuto essere messi in atto entro il 2020. La buona notizia è che la maggior parte di essi (138) sono già stati rispettati o lo saranno entro la fine dell’anno.

La maggior parte delle aziende che hanno fatto piani quinquennali hanno promesso di ridurre le proprie emissioni di CO2 concentrandosi sulle temperature degli uffici (Scope 1) o l’utilizzo di energia rinnovabile negli stabilimenti (Scope 2). Le cosiddette emissioni “Scope 3”, che coprono le catene di approvvigionamento e i clienti di un’azienda, si sono rivelate le più difficili da abbattere, in quanto prevedono un netto cambiamento nel comportamento dei consumatori. Il rivenditore Best Buy Co., per esempio, sta cercando di ridurre i costi energetici dei clienti vendendo prodotti più efficienti dal punto di vista energetico.

Anche in Europa, come negli USA, diverse aziende stanno avanzando a grandi passi verso il 100% green: l’Oreal è riuscita a ridurre le emissioni nei suoi impianti e nei centri di distribuzione del 79% rispetto al 2005; Siemens, superando l’obiettivo iniziale (il 60%), è sulla buona strada per dimezzare la propria impronta di carbonio; Microsoft e Ikea, infine, stanno divenendo aziende carbon-negative, rimuovendo più CO2 dall’aria di quanta ne emettano.

La neutralità da CO2 sarà raggiungibile solo in decenni di grande impegno, rendendo cruciale fissare obiettivi a breve termine. Semplificando le procedure per l’acquisto da parte delle aziende dei crediti di carbonio con il sostegno finanziario ad attività ecofriendly, come la riforestazione, sarà più facile verificare i progressi e il riconoscimento da parte delle autorità preposte > vedi l’articolo: “Arbolia: l’Italia respira verde”.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...

Tra energia e digitalizzazione: come cambiano le nostre Cantine

Vinitaly 2022, Il confronto tra l’Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power S.p.A e l’Amm. Unico di Global Power Plus e Francesco Masini, responsabile marketing e comunicazione di Vecomp, moderato da Luca Mantovani, Capodirettore di L’Arena. Sostenibilità,...

GPS sponsor di IBIMI – buildingSMART Italy

Il 19 maggio la nostra consociata Global Power Service E.S.Co. sarà presente in veste di sponsor alla 5° Edizione della Conferenza Nazionale IBIMI – buildingSMART Italy, patrocinata dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma, a conferma del crescente interesse delle...

GP+ e GPS partner per la transizione energetica

Global Power Plus e la consociata Global Power Service E.S.Co. supportano privati e aziende nella transizione energetica, promuovendo, tra gli altri servizi, l’installazione di sistemi fotovoltaici. Negli ultimi anni è cresciuto il numero di imprese e cittadini che...

PNRR: oltre 800mln di € per gli Enti Pubblici

A partire dal 19 aprile 2022, ben 7.904 Comuni italiani possono candidarsi per uno dei bandi del PNRR finalizzati ad accelerare la transizione al digitale delle Pubbliche Amministrazioni italiane e chiedere i contributi per la migrazione dei propri servizi al sistema...

Mobilità elettrica, dal PNRR 300mln di euro per accelerare la transizione ecologica.

Tra i tanti obiettivi del PNRR c'è anche quello dello sviluppo della mobilità elettrica, nello specifico dei mezzi pubblici urbani a impatto 0, ai quali è riservato un fondo di 300mln di € a sostegno di un nuovo pacchetto di incentivi dedicati al rafforzamento della...

Sistemi di gestione dell’energia. Lo Standard ISO 50001: un valore aggiunto anche per la PA

Lo Standard ISO 50001: un valore aggiunto anche per la PALa ISO 50001 è stata progettata per consentire a qualsiasi organizzazione di perseguire, seguendo un approccio sistematico, il miglioramento continuo delle proprie prestazioni energetiche, tra cui: Migliorare...

Idrogeno e PNRR, la vera sfida della transizione energetica parte da qui

Toscana, Marche, Veneto, Basilicata, Emilia-Romagna, Molise, Piemonte e ora anche la Sardegna.E’ questa la task-force italiana delle regioni che hanno aderito alla manifestazione d’interesse del MITE per la mappatura dei siti industriali dismessi per la creazione di...

Arbolia e Comune di Vicenza hanno realizzato un bosco urbano

Vicenza, 18 febbraio 2022  Si consolida il progetto di Global Power Plus nel contribuire all'abbattimento della CO2 nelle aree urbane. Con il nuovo bosco urbano di Vicenza salgono a 1611 gli alberi messi a dimora in collaborazione con Arbolia, Società SNAM e...

Da GPS 250.000 euro per Wey Dolce

Supera quota 380.000 euro il round di Wey Lombardia, startup innovativa nata dalla joint venture tra InfinityHub e Cooperativa Sociale Società Dolce, con lo scopo di riqualificare energeticamente cinque immobili socio-sanitari di quest'ultima. Infatti, mentre...