EPBD 2035: Ristrutturare per un Futuro Sostenibile

23 Mag 2024Sostenibilità

comunità energetiche

Presentiamo la “Direttiva europea sulle case green”, parte integrante del Green Deal europeo, che si propone di trasformare gli edifici dell’UE in campioni di efficienza energetica entro il 2035. Questa normativa non solo si impegna a ridurre drasticamente le emissioni di gas inquinanti, ma rinnova anche la visione degli spazi abitativi. Armata di regole stringenti e obiettivi decisivi, l’Unione Europea punta a pilotare un avanzamento significativo verso una sostenibilità reale e tangibile. Esploriamo come queste disposizioni sono destinate a modernizzare i nostri edifici, rendendoli attori principali nella battaglia contro il cambiamento climatico.

Obiettivi Specifici per Edifici Residenziali e Non Residenziali

La direttiva stabilisce obiettivi dettagliati di riduzione del consumo energetico per diversi tipi di edifici. Per gli edifici residenziali, ogni stato membro deve mirare a una diminuzione complessiva del consumo medio di energia del 16% entro il 2030 e del 20% entro il 2035. Il calcolo di queste percentuali parte da un baseline di consumo attuale, supponendo un consumo medio di 100 kilowattora per metro quadrato all’anno, che dovrebbe scendere a 84 kilowattora entro il 2030, e ulteriormente a 80 kilowattora entro il 2035. Importante è che il 55% di questo risparmio provenga dalla riduzione di almeno il 43% del consumo energetico delle abitazioni con le peggiori prestazioni, inclusi gli edifici danneggiati da calamità naturali. Gli interventi di ristrutturazione saranno quindi cruciali per queste abitazioni meno efficienti.

Per gli edifici non residenziali, la direttiva prevede una serie di scadenze entro cui una certa percentuale di edifici deve essere ristrutturata per conformarsi a nuove norme minime di prestazione energetica. Precisamente, il 16% degli edifici non residenziali deve essere ristrutturato entro il 2030, e il 26% entro il 2033. Questi edifici rinnovati dovranno conseguentemente migliorare la loro classificazione energetica, conformandosi a standard più severi e contribuendo così al generale obiettivo di riduzione delle emissioni.

Nuove Costruzioni e Standard “Zero Emissioni”

La direttiva impone standard particolarmente stringenti per le nuove costruzioni, che devono essere progettate fin dall’inizio per minimizzare il loro impatto ambientale. A partire dal 1° gennaio 2028, tutti i nuovi edifici di proprietà pubblica dovranno essere a zero emissioni, e lo stesso standard sarà richiesto per i nuovi edifici privati a partire dal 1° gennaio 2030. Gli edifici a zero emissioni sono definiti come strutture che, grazie alla loro costruzione e ai sistemi integrati di gestione energetica, consumano quantità di energia estremamente basse, totalmente coperte da fonti rinnovabili locali o di prossimità. Questo include l’uso di energia solare, eolica, geotermica o altre forme di energia rinnovabile che possono essere incorporate direttamente nell’edificio o nel suo immediato vicinato.

Esenzioni e Flessibilità nella Direttiva

La direttiva riconosce la necessità di flessibilità in certi contesti e include varie esenzioni. Ad esempio, gli edifici di proprietà delle Forze Armate o quelli utilizzati come luoghi di culto possono essere esclusi dagli obblighi di ristrutturazione. Inoltre, fabbricati che sono destinati ad essere utilizzati per meno di due anni, o quelli con una superficie utile inferiore a 50 metri quadrati, sono esentati. Anche le seconde case, utilizzate per meno di quattro mesi all’anno o che hanno un consumo energetico molto basso, non sono soggette alle stesse normative stringenti previste per le abitazioni principali. Queste deroghe mirano a garantire che la direttiva sia applicata in modo equo e realistico, senza imporre oneri eccessivi o non praticabili in situazioni particolari.

Autonomia degli Stati Membri e Implicazioni Finanziarie

Gli Stati membri dell’UE hanno ampia discrezionalità nel definire le politiche pubbliche per raggiungere gli obiettivi stabiliti dalla direttiva, senza obblighi diretti imposti ai singoli proprietari di case. Tuttavia, la direttiva non specifica in dettaglio come saranno finanziati gli interventi di ristrutturazione necessari, sebbene si preveda che parte dei costi possa essere coperta da fondi europei. L’analisi d’impatto economica originaria aveva stimato che circa 30 milioni di immobili necessitassero di ristrutturazioni, con un budget di 150 miliardi di euro di fondi europei previsti entro il 2030, ma le modifiche successive apportate alla proposta potrebbero alterare queste previsioni.

Plant Crossing”: L’Arte di Scambiare Piante e Semi per un Mondo Più Verde

Scopriamo insieme il mondo affascinante del "Plant Crossing", un'innovativa pratica di scambio di piante e semi che unisce appassionati di giardinaggio in una missione comune: arricchire la biodiversità e promuovere uno stile di vita sostenibile. Questo articolo...

She, Green: Il Podcast che Celebra le Donne nel Movimento Ambientalista

Il 20 febbraio ha segnato il lancio di "She, Green", un podcast innovativo prodotto da Chora Media in collaborazione con Il Bo Live, il magazine digitale dell'Università di Padova. Questa serie si dedica all'importante contributo delle donne alla salvaguardia...

Varanto: Rivoluzione Energetica nel Cuore della Finlandia

Il Futuro dello Stoccaggio Termico in Finlandia La Finlandia è all'avanguardia nella gestione sostenibile delle risorse energetiche e sta per accogliere un nuovo gigante nel campo dell'energia rinnovabile: il progetto Varanto. Situato a Vantaa, questo sarà il più...

Forum PA 2024: La Rivoluzione Digitale dei Comuni Italiani

Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo L'Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo, realizzata da FPA per Deda Next e presentata a FORUM PA 2024, offre un'analisi aggiornata dello stato di avanzamento delle principali amministrazioni...

Il Ruolo Cruciale dell’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

L'energy manager, un professionista chiave nell'ambito dell'efficienza energetica, trova il suo ruolo particolarmente strategico nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA). Questa figura, emersa oltre trent'anni fa e consolidatasi nei settori industriali e nelle...

Innovazione o Illusione? Il Dibattito sul Primo Volo Transatlantico con “Carburante Verde”

Un’impresa pionieristica nel campo dell’aviazione si prepara a fare storia: Virgin Galactic prevede di attraversare l’Atlantico con un Boeing 787 alimentato esclusivamente da un mix di olii riciclati e prodotti vegetali. Tuttavia, questa mossa ha sollevato dubbi sulla...

Decreto CER: Un Passo Avanti nella Transizione Energetica

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha annunciato la pubblicazione di un decreto fondamentale per il futuro energetico dell’Italia. Questo provvedimento legislativo mira a stimolare la creazione e l’espansione delle Comunità Energetiche Rinnovabili...

2024: Rincari energetici? La speculazione sui prezzi non c’entra!

E’ bene chiarirlo subito e senza fraintendimenti. Nel 2024, la spesa energetica delle famiglie italiane è destinata a aumentare, ma non per scelta dei fornitori. Nulla a che vedere con le dinamiche del 2022 e le tensioni sui mercati che hanno fatto registrare prezzi...

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...

Semaforo giallo sulla fine del mercato tutelato. L’Europa ci guarda.

L'ARERA (Autorità di Regolamentazione per l'Energia, Reti e l'Ambiente), operando in conformità alle disposizioni del recente decreto energia (181/23), ha deliberato il rinvio della scadenza di chiusura del Mercato Tutelato dell'elettricità per i clienti domestici non...