Renovation Wave UE: riqualificazione energetica edifici

4 Nov 2020Sostenibilità

“Renovation Wave” è la strategia essenziale proposta dalla Commissione Europea per la ripresa post-Coronavirus, che comprende una serie di misure per promuovere la transizione ad un’economia più verde, in linea con il Green New Deal e il perseguimento dell’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.
Al centro del progetto troviamo l’edilizia sostenibile e le ristrutturazioni green. L’obiettivo dichiarato è quello di ristrutturare 35 milioni di edifici entro il 2030, creando fino a 160.000 posti di lavoro in più nel settore delle costruzioni.

Gli edifici sono responsabili di circa il 40% del consumo energetico dell’UE e del 36% delle emissioni di gas serra. Ma solo l’1% viene sottoposto ogni anno a ristrutturazioni efficienti dal punto di vista energetico. A ciò si aggiunge un dato grave: quasi 34 milioni di europei non possono permettersi di mantenere le proprie case riscaldate.

Si stima che il parco immobiliare dell’UE includa 220 milioni di unità immobiliari. Tenendo conto del fatto che i progetti di ristrutturazione hanno determinati tempi di consegna, le proiezioni di Bruxelles prevedono un tasso annuo di rinnovo energetico dell’1% per il 2021-2022, che dovrebbe salire all’1,2% all’anno nel 2023-2025 prima di stabilizzarsi almeno al 2% all’anno nel 2026-2029.

Il tasso di ristrutturazione, che riguarderà solo il cambio degli impianti di riscaldamento, dovrebbe raggiungere circa il 4% nel 2026-2030 sia nel settore residenziale che in quello dei servizi.

La strategia per l’efficienza energetica negli edifici adottata oggi da Bruxelles prevede incentivi per inquilini e proprietari, finanziamenti attraverso fondi come NextGenerationEU, assistenza professionale per redigere e mettere in opera progetti di ristrutturazione, supporto alla formazione per i nuovi “lavori verdi” presso le autorità nazionali e locali, espansione del mercato per materiali da costruzione sostenibili e sensibilizzazione dei cittadini per creare aree urbane organizzate a consumi energetici zero.

L’azione politica e di finanziamento ha, quindi, 3 priorità: ridurre la povertà energetica ristrutturando gli edifici con le peggiori prestazioni energetiche, efficientare gli edifici pubblici amministrativi, le scuole e gli ospedali, decarbonizzare progressivamente i sistemi di raffreddamento e riscaldamento.

Per colmare un possibile divario di investimenti, circa 275 miliardi di euro l’anno, i canali tramite cui perverranno i finanziamenti saranno il Recovery Plan, le garanzie di InvestEU e i fondi della politica di coesione.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Comunità Energetiche e Comuni

Il 26 dicembre entra in vigore il decreto legislativo che attua la direttiva europea 2019/944 sulle norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica. Questo rende possibile in Italia la realizzazione di progetti di comunità energetiche per produrre energia...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

In Italia l’aria irrespirabile arriva la condanna dalla parte dell’EU

In Italia l’aria è troppo inquinata. Nelle grandi città come Torino, Milano, Firenze, Roma e Genova hanno rivelato un alto livello di quantità di biossido d’azoto in atmosfera. Questo elemento è inquinante e nocivo per la salute dell’uomo. Ed è proprio per non aver...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

PNRR: energia, al via i progetti delle isole italiane

Le isole italiane diventano più sostenibili: sono 140 i progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 Comuni in risposta al bando PNRR “Isole Verdi”.Lo rende noto il Ministero della Transizione ecologica ricordando che gli interventi, per un valore complessivo...

Rinnovabili: un passo indietro per guardare avanti

Reperimento di Gas in giro per il mondo, nuovi rigassificatori, riapertura delle centrali a carbone: la strada tracciata dal governo Draghi per uscire dalla dipendenza del gas russo è fossile. Un paradosso? Il tempo sentenzierà…Nel frattempo, con gli ultimi due...

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...

Tra energia e digitalizzazione: come cambiano le nostre Cantine

Vinitaly 2022, Il confronto tra l’Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power S.p.A e l’Amm. Unico di Global Power Plus e Francesco Masini, responsabile marketing e comunicazione di Vecomp, moderato da Luca Mantovani, Capodirettore di L’Arena. Sostenibilità,...

GPS sponsor di IBIMI – buildingSMART Italy

Il 19 maggio la nostra consociata Global Power Service E.S.Co. sarà presente in veste di sponsor alla 5° Edizione della Conferenza Nazionale IBIMI – buildingSMART Italy, patrocinata dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma, a conferma del crescente interesse delle...

GP+ e GPS partner per la transizione energetica

Global Power Plus e la consociata Global Power Service E.S.Co. supportano privati e aziende nella transizione energetica, promuovendo, tra gli altri servizi, l’installazione di sistemi fotovoltaici. Negli ultimi anni è cresciuto il numero di imprese e cittadini che...