Recup: associazione che combatte lo spreco alimentare

6 Ago 2021Sostenibilità

recup associazione recupero cibo

Un progetto che agisce nei mercati della città per combattere lo spreco alimentare e l’esclusione sociale attraverso il recupero del cibo prima che venga buttato via.

Quante volte al mercato ci chiniamo sulle distese di frutta e verdura per scegliere la mela più colorata o l’insalata più verde? Vi siete mai chiesti cosa succede alla frutta e alla verdura che avanza? Quello che succede è inaccettabile: decine e decine di cestini pieni di frutta e verdura vengono ammassati sui bordi della strada, per essere raccolti e buttati.

E’ qui che nasce il progetto Recup, ideato da Rebecca Zaccarini. L’obiettivo di Recup è quello di combattere lo spreco alimentare e donare gli alimenti alla comunità. Attraverso il recupero e la ridistribuzione nei mercati rionali del cibo che a fine giornata i commercianti sono obbligati a buttare nella spazzatura anche se commestibile.

associazione recup

Sono ormai 2 anni che i volontari di Recup evitano questo spreco ingiustificabile: i ragazzi chiedono ai commercianti la merce avanzata a fine mercato, ovvero la frutta e la verdura rimaste invendute e, una volta raccolte in cassette, le portano in un punto preciso dove vengono lasciate a disposizione della gente che ne ha bisogno. I beneficiari sono gli stessi esecutori del lavoro: in questo modo si crea un concetto di collaborazione e comunità tra persone diverse, una possibilità di scambio interculturale e intergenerazionale che prima mancava.

Com’è nata l’dea?

L’attività è iniziata nel 2014 grazie all’idea della fondatrice Rebecca, che durante il periodo di Erasmus in Francia ha preso parte a dei gruppi di recupero del cibo al mercato. Al suo rientro in Italia ha deciso di importare anche a Milano questa buona pratica adattandola alla realtà locale. Da ottobre 2016 è stata ufficialmente costituita l’Associazione Promozione Sociale (APS) RECUP. È composta da volontari di diversa estrazione sociale: studenti, disoccupati, pensionati, senza fissa dimora, tutti di diverse nazionalità.

recup associazione

Il problema dello spreco alimentare

E’ un problema di dimensioni enormi che non riguarda solo la GDO o la ristorazione: nei mercati rionali c’è tanto cibo commestibile, ma danneggiato o invenduto che i commercianti, per legge, sono obbligati a buttare nella spazzatura al termine delle vendite.

Come secondo obiettivo Recup vuole prevenire l’umiliazione di tutti quelli che sono costretti a mettere le mani nella spazzatura per vivere. Una forma di promozione dell’inclusione sociale che favorisce anche la presa di coscienza da parte della comunità dell’esistenza di una parte di popolazione (crescente) che, pur non essendo indigente, ritiene inaccettabile che un tale spreco di cibo venga prodotto e per questo si attiva nel suo recupero. 

Oggi, a distanza di due anni, molte persone sono diventate volontari di Recup, il mercato finalmente torna ad essere il luogo di scambio, di convivialità e incontro che un tempo caratterizzava i mercati rionali.

recup come funziona

I dati sul cibo recuperato

I dati della quantità di cibo recuperati sono sbalorditivi: al mercato di via Esterle/Cambini a Milano, grazie a Recup in collaborazione con Quartieri Ricicloni, il bilancio del recupero di frutta e verdura ancora commestibili di un solo lunedì ammonta a 194 chilogrammi. In generale, si può parlare di una media di 100 chili di prodotti “salvati” ogni giorno, che poi viene ritirata direttamente presso diversi punti di ritrovo al mercato stesso e consumati. 

Lo spreco alimentare nel mondo è una realtà drammatica che vede finire nella pattumiera miliardi di tonnellate di cibo all’anno. Basti pensare che nel nostro paese, nel giro di un anno, si spreca tanto cibo quanto potrebbe soddisfare il fabbisogno alimentare di tre quarti della popolazione italiana. Un anno di spreco alimentare in Italia, sfamerebbe quasi 44,5 milioni di persone. È quindi necessario e sempre più urgente promuovere e sostenere servizi e attività che, come questa iniziativa, danno il loro piccolo contributo per ovviare a questo enorme problema.

Fotovoltaico in condominio: c’è libertà d’azione

Il singolo condomino può montare pannelli su parti comuni dell’edificio senza dover ottenere l’ok dall’assemblea, a condizione, però, che l’impianto garantisca le condizioni di stabilità e sicurezza per il decoro architettonico del palazzo. La svolta arriva dalla...

Pnrr: 450 milioni per dare il via libera alla Hydrogen Valley

Sul sito del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica è stato pubblicato il decreto, da 450 milioni di euro, che dà il via libera alla costruzione di una valle dell'idrogeno. Questo investimento del Pnrr sostiene la produzione di idrogeno verde in aree...

Terna: il consumo di elettricità in Italia sarà di 316,8 TWh nel 2022

Domanda nazionale inferiore dell'1% rispetto al 2021, rinnovabili al 31% della domanda; la tendenza che ha caratterizzato gli ultimi mesi è proseguita a dicembre: -9,1% per tutti i consumi e -15% per gli usi industriali. Secondo i dati di Terna, che gestisce la rete...

C.E.R. – decreto di prossima emanazione

“Finalmente ci siamo. Il decreto attuativo delle Comunità Energetiche Rinnovabili è quasi pronto e sarà pubblicato nelle prossime settimane". Lo ha annunciato Vania Gava, Vice Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, in occasione del Forum dei consumatori...

Terna: Tyrrhenian link, il più grande progetto industriale italiano degli ultimi decenni

Il Tyrrhenian link è il progetto (targato TERNA) di trasmissione di energia sottomarina più importante al mondo totalmente Made in Italy. TERNA, guidata dall'amministratore delegato Stefano Donnarumma, investirà complessivamente 3,7 miliardi di euro (di cui 1,9...

Tetto al prezzo del gas, c’è l’accordo.

Quello del price cap è stato il tema più dibattuto negli ultimi mesi per l’avvento della crisi energetica. Ebbene l’Unione Europea, dopo mesi di discussione, con la quasi totalità dei membri, ha trovato la quadra politica. Lo ha fatto lunedì 19 dicembre, nel vertice...

Assemblea Anci 2022 – sintesi degli interventi di Ministri e Sottosegretari

Dal 22 al 24 novembre si è svolta l'Assemblea Annuale ANCI con un focus particolare sull'ideazione, la crescita e lo sviluppo di ambiziosi progetti e soluzioni che accrescano l’efficienza dei Comuni e il benessere dei cittadini. Riportiamo, in sintesi, gli interventi...

Cop27: la conferenza senza risposte

Si è conclusa pochi giorni fa la ventisettesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la famigerata Cop27, tenutasi a Sharm el-Sheikh dal 6 al 20 novembre scorso. Com’è andata? Grande successo o clamoroso fallimento? I pareri di istituzioni, esperti e...

Comunità energetiche all’ultima curva

“Il decreto è pronto” La regolamentazione delle Comunità energetiche sta finalmente iniziando ad assumere lineamenti sempre più definiti. Un traguardo atteso da mesi che ora sembra davvero “a portata di mano”. Lo conferma lo stesso ministro dell’Ambiente e della...

Aiuti ter: il decreto che restituisce speranza

È del 17 novembre la notizia relativa la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto Aiuti ter, il n. 144 del 2022, di cui potete trovare, a fondo pagina, il link che porta al testo coordinato. Il decreto contiene le misure approvate...