PNRR: energia, al via i progetti delle isole italiane

30 Mag 2022Mondo Energia, Mondo Global Power

PNRR isole italiane

Le isole italiane diventano più sostenibili: sono 140 i progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 Comuni in risposta al bando PNRR “Isole Verdi”.

Lo rende noto il Ministero della Transizione ecologica ricordando che gli interventi, per un valore complessivo di 200 milioni di euro, saranno finanziati con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

L’obiettivo è quello di superare i problemi legati alla mancanza di connessione con la terraferma, quelli di efficientamento energetico, lo scarso approvvigionamento idrico e il complesso processo di gestione dei rifiuti, trasformando le piccole isole in laboratori per lo sviluppo di modelli 100% sostenibili.

A parte la produzione di energia da fonti rinnovabili, sono fondamentali i progetti di dissalatori dell’acqua marina e quelli di efficientamento delle infrastrutture. 

Perché destinare risorse alle isole?

Come si legge sul sito della Commissione europea, sono circa 2.200 le isole abitate nell’Ue: dalle Canarie alle isole greche fino alle Åland nel Mar Baltico. Le isole europee ospitano 16 milioni di abitanti, pari a circa il 4% della popolazione totale dell’UE, ma essendo fra le destinazioni turistiche preferite in Europa, attirano molti turisti nella bella stagione, amplificando la richiesta di energia, acqua e mobilità pulita. Il maggior costo e il maggior impatto ambientale dipendono dalla necessità di importare tutto: materie prime, energia, talvolta acqua pulita. Inoltre, sono anche esposte a violenti fenomeni meteorologici, come gli uragani, e alle inondazioni. L’innalzamento del livello dei mari, uno degli effetti più visibili dei cambiamenti climatici, rappresenta una grave minaccia per molte isole con un aumento del costo della vita, minori opportunità di lavoro e risultati economici inferiori.

La vita quotidiana delle persone che vivono sull’isola dipende dalla terra ferma. Chi vive sulle isole, rispetto a quelli sul continente, deve sostenere un costo della vita incomparabile. Le isole dipendono dalle importazioni di combustibili fossili per la produzione di elettricità, trasporti e riscaldamento. I combustibili fossili non solo sono una fonte importante di emissioni di CO2, ma sono anche costosi: ad esempio, il costo della produzione di energia elettrica sulle isole può essere fino a 10 volte superiore a quello sulla terraferma. Questo spiega lo svantaggio ambientale ed economico dei suoi abitanti.

Chi vive sulle isole, rispetto a quelli sul continente, hanno un costo di vita incomparabile. In genere, le isole dipendono dalle importazioni di combustibili fossili per la produzione di elettricità, trasporti e riscaldamento. I combustibili fossili non solo sono una fonte importante di emissioni di CO2, ma sono anche costosi: ad esempio, il costo della produzione di energia elettrica sulle isole può essere fino a 10 volte superiore a quello sulla terraferma. Questo spiega lo svantaggio ambientale ed economico dei suoi abitanti.

Qual è la prospettiva?
Le isole devono godere di abbondanti fonti di energia rinnovabile disponibile localmente: solare, eolico, marina e geotermica. La loro transizione verso un approvvigionamento energetico più sostenibile è anche un volano per una crescita economica sostenibile e resiliente, in grado di contribuire allo sviluppo di competenze e posti di lavoro locali per le comunità insulari.

Estate rovente, condizionatori al massimo, bollette salate e un autunno alle porte all’insegna dei rincari energetici… ma non per tutti

Estate rovente, condizionatori al massimo, bollette salate e un autunno alle porte all’insegna dei rincari energetici... ma non per tutti. E' il caso dei clienti GP+ che hanno scelto i servizi di Sostenibilità 360 e che hanno intrapreso un vero percorso di transizione...

Verde urbano: una strategia per contrastare i cambiamenti climatici

La partita più importante Le metropoli e le grandi città di tutto il mondo sono un po’ come il “Centrale di Wimbledon”: il campo principale dove avrà luogo la partita più importante dei prossimi decenni, la salvaguardia dell’ambiente. Nell’articolo di oggi parliamo di...

Caro bollette: come risparmiare sui consumi estivi

Stiamo freschi… È arrivata l’estate e quando si parla di temperature l’essere umano sembra davvero non aver memoria. Ogni anno la stessa identica storia: “non ricordo estati così torride”, “mai fatto così caldo” e via dicendo. Quest’anno però c’è poco da scherzarci...

Crisi energetica: cosa dobbiamo aspettarci

Trovata l'intesa in UE nell'ottica di una maggiore indipendenza dalle forniture russe. Rimandata in autunno la discussione sul price cap.I Ministri dell'Energia dell'Unione Europea hanno trovato un accordo per ridurre i consumi di gas del 15%, sostenendo il fabbisogno...

Comunità Energetiche e Comuni

Il 26 dicembre entra in vigore il decreto legislativo che attua la direttiva europea 2019/944 sulle norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica. Questo rende possibile in Italia la realizzazione di progetti di comunità energetiche per produrre energia...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

In Italia l’aria irrespirabile arriva la condanna dalla parte dell’EU

In Italia l’aria è troppo inquinata. Nelle grandi città come Torino, Milano, Firenze, Roma e Genova hanno rivelato un alto livello di quantità di biossido d’azoto in atmosfera. Questo elemento è inquinante e nocivo per la salute dell’uomo. Ed è proprio per non aver...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

Rinnovabili: un passo indietro per guardare avanti

Reperimento di Gas in giro per il mondo, nuovi rigassificatori, riapertura delle centrali a carbone: la strada tracciata dal governo Draghi per uscire dalla dipendenza del gas russo è fossile. Un paradosso? Il tempo sentenzierà…Nel frattempo, con gli ultimi due...

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...