Outlook BP 2040: meno combustibili fossili più energia pulita!

4 Lug 2019Sostenibilità

L’edizione 2019 dell’Outlook di British Petroleum sull’Energia ci presenta gli scenari futuri dell’energia mondiale con un focus speciale sulla netta evoluzione del settore verso le fonti rinnovabili, a scapito, soprattutto, del carbone.

L’energia elettrica sarà sempre più green
La previsione indica che le rinnovabili saranno la prima fonte di energia elettrica nel mondo entro il 2040, superando il carbone ad un ritmo che non ha eguali nella storia.
Attualmente le fonti green forniscono circa il 10% dell’elettricità a livello globale e dovrebbero raggiungere il 20% nel 2030, per poi arrivare a sfiorare il 30% nel 2040.
Il solare, l’eolico e le altre forme di approvvigionamento sostenibili forniranno complessivamente quasi il 30% di tutta l’energia elettrica mondiale, percentuale che in Europa toccherà il 50%.
L’andamento è inverso a quello del carbone, che dal 40% attuale scenderà sotto al 30%, mentre il metano si attesterà al 20%, come l’idroelettrico e il nucleare.

Il fabbisogno di petrolio diminuirà, ma non troppo
Nel redigere i diversi scenari, BP prevede una domanda di petrolio in crescita fino al 2025-2030, che poi diminuirà progressivamente. Entro il 2040 il fabbisogno complessivo mondiale si attesterà, infatti, attorno all’80%.

Trasporti, largo all’elettrico
Per quanto riguarda la mobilità civile ed industriale (anche a guida autonoma), le previsioni confermano che nel 2040 sulle strade viaggeranno 300 milioni di auto elettriche a fianco delle auto a benzina e a gasolio, e che il metano diventerà un carburante utilizzato anche dal traffico marittimo pesante. Gli aeroplani, di contro, rimarranno legati ai combustibili di derivazione fossile come il cherosene.

Decarbonizzazione, una tassa come incentivo
BP prevede che, tra i diversi provvedimenti che saranno messi in atto per ridurre le emissioni e abbandonare i combustibili fossili, sarà creata una carbon tax che penalizzerà le aziende per ogni tonnellata di CO2 immessa in atmosfera (con un costo variabile tra i 100 e i 200 dollari/ton). Si stima che, in questo modo, la quantità di carbonio emesso nella produzione di energia elettrica potrà scendere a meno di cento grammi di anidride carbonica per kWh.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Il Ruolo Cruciale dell’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

L'energy manager, un professionista chiave nell'ambito dell'efficienza energetica, trova il suo ruolo particolarmente strategico nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA). Questa figura, emersa oltre trent'anni fa e consolidatasi nei settori industriali e nelle...

Innovazione o Illusione? Il Dibattito sul Primo Volo Transatlantico con “Carburante Verde”

Un’impresa pionieristica nel campo dell’aviazione si prepara a fare storia: Virgin Galactic prevede di attraversare l’Atlantico con un Boeing 787 alimentato esclusivamente da un mix di olii riciclati e prodotti vegetali. Tuttavia, questa mossa ha sollevato dubbi sulla...

Decreto CER: Un Passo Avanti nella Transizione Energetica

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha annunciato la pubblicazione di un decreto fondamentale per il futuro energetico dell’Italia. Questo provvedimento legislativo mira a stimolare la creazione e l’espansione delle Comunità Energetiche Rinnovabili...

2024: Rincari energetici? La speculazione sui prezzi non c’entra!

E’ bene chiarirlo subito e senza fraintendimenti. Nel 2024, la spesa energetica delle famiglie italiane è destinata a aumentare, ma non per scelta dei fornitori. Nulla a che vedere con le dinamiche del 2022 e le tensioni sui mercati che hanno fatto registrare prezzi...

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...

Semaforo giallo sulla fine del mercato tutelato. L’Europa ci guarda.

L'ARERA (Autorità di Regolamentazione per l'Energia, Reti e l'Ambiente), operando in conformità alle disposizioni del recente decreto energia (181/23), ha deliberato il rinvio della scadenza di chiusura del Mercato Tutelato dell'elettricità per i clienti domestici non...

Industria 5.0: Il Ritorno dell’Umanità nel Cuore dell’Automazione

L'avvento dell'Industria 4.0 ha segnato una svolta radicale nella produzione manifatturiera, introducendo l'automazione intelligente e l'interconnessione tra macchine, sistemi e persone. Oggi, mentre ci avviciniamo all'orizzonte dell'Industria 5.0, assistiamo a un...

Da “Phase Out” a “Transitioning away”… Nella COP28 il compromesso sul fossile è un gioco di parole

Il 13 dicembre la presidenza della COP28 a Dubai ha annunciato l’approvazione dell’accordo sui nuovi impegni internazionali per affrontare il cambiamento climatico. Una decisione definitiva e all’unanimità che, tuttavia, ha lasciato aperti ancora molti interrogativi...

CityTree, la parete verde che combatte l’inquinamento assorbendo CO2

In un mondo sempre più preoccupato per l’inquinamento atmosferico, una soluzione innovativa si è affermata nelle città europee per migliorare la qualità dell’aria: i pannelli CityTree, conosciuti come “mangia-smog”, hanno dimostrato di essere altamente efficaci...

Incentivi alle Comunità Energetiche Rinnovabili: Approvazione da Parte di Bruxelles

La Commissione europea ha recentemente approvato il decreto italiano volto a incentivare la diffusione dell’autoconsumo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Questo significativo passo è stato accolto con grande soddisfazione dal Ministro dell’Ambiente e della...