Ortomani: la campagna in città

5 Ago 2021Sostenibilità

orto sociale

Oggi sentiamo sempre più spesso parlare di orti urbani sulle terrazze e sui balconi, ai bordi delle ferrovie e lungo le pareti dei condomini. Un fenomeno che potrebbe diventare la chiave fondamentale per metropoli più verdi, più sane e più vivibili.

Prima dell’età industriale, gli orti erano piuttosto comuni in tutte le medie e grandi città. Con l’avvento dell’industrializzazione e la conseguente espansione delle città, l’equilibrio ha incominciato a rompersi e i campi coltivati nelle aree urbane e periurbane si sono ristretti. Sono stati i nuovi arrivati dai territori rurali a tentare di contenere lo squilibrio. Tutto ciò fa subito pensare al problema della sostenibilità ambientale per tutti quelli che vivono nelle grandi città, alla tutela delle biodiversità e alle sfide climatiche.

In Italia la filosofia degli orti urbani è cresciuta di 18% negli ultimi 5 anni superando i 2,1 milioni di mq.  

L’impatto positivo degli orti urbani sulla società è ormai comprovato, i vantaggi che offrono sono diversi, sia ambientali, che sociali e urbani. Inoltre, favoriscono il riciclo dei rifiuti organici, utilizzati come concimi, e come tutte le aree verdi migliorano il microclima locale e combattono fenomeni come l’effetto isola di calore. Molto spesso, questi orti sono gestiti da associazioni impegnate in progetti sociali per la comunità locale.

Come entrano nella nostra vita gli orti urbani?

La lezione viene dal Nord Europa in particolare dalla Germania. Inizialmente erano spazi riservati ai bambini, chiamati kleingarten, ed erano nati per soddisfare la penuria di cibo ma anche per ricostruire comunità alla ricerca di uno stile di vita sano.

orto urbano

Gli orti urbani in Italia

Nell’ultimo decennio, a partire dai grandi centri urbani, diverse associazioni hanno in vari modi spinto per lo sviluppo sostenibile delle città e per uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente. La regione con più orti urbani, secondo l’Istat, nel 2017 era l’Emilia Romagna, seguita dalla Lombardia e dalla Toscana. Le motivazioni che spingono gli italiani alla coltivazione dell’orto in città sono diverse e includono la passione, la necessità di risparmiare e la ricerca di cibo sano e biologico.

Esempi virtuosi si trovano per esempio a Firenze, dove dal 2013 sorge un orto sociale su una vecchia pista di atletica nella zona di Borgo Pitti. Qui si sviluppa anche un progetto che coinvolge ragazzi con disabilità. È Bologna, invece, ad ospitare l’orto urbano più grande d’Italia a Borgo Panigale. In pochi anni l’orto è cresciuto fino a servire 150 famiglie e dare occupazione ad una decina di ragazzi.

orto sociale e urbano

Rovereto, Comune in provincia di Trento, ha avviato dal 2016 un progetto dedicato all’orto comunitario. Comun’Orto nasce da una rete di organizzazioni presenti a Rovereto e dintorni. L’orto diventa una risorsa per la comunità del quartiere Brione: qui si possono coltivare ortaggi, ma anche frequentare corsi, rilassarsi nell’area verde, sorseggiare un drink, costruire aiuole fiorite e molto altro. Da Trento passiamo a Napoli: qui è nato il progetto dell’Orto Urbano della Salute e del Benessere Ponticelli, un’area verde coltivata dagli utenti del centro diurno Lilliput che aiuta i ragazzi con problemi di dipendenza nel percorso di recupero. Questo progetto ha un doppio valore: da un lato è una pratica virtuosa per l’ambiente e per il territorio campano, dall’altro offre nuove opportunità ai giovani in un momento di particolare fragilità.

Leggi le altre News Virtuose

Comunità Energetiche e Comuni

Il 26 dicembre entra in vigore il decreto legislativo che attua la direttiva europea 2019/944 sulle norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica. Questo rende possibile in Italia la realizzazione di progetti di comunità energetiche per produrre energia...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

In Italia l’aria irrespirabile arriva la condanna dalla parte dell’EU

In Italia l’aria è troppo inquinata. Nelle grandi città come Torino, Milano, Firenze, Roma e Genova hanno rivelato un alto livello di quantità di biossido d’azoto in atmosfera. Questo elemento è inquinante e nocivo per la salute dell’uomo. Ed è proprio per non aver...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

PNRR: energia, al via i progetti delle isole italiane

Le isole italiane diventano più sostenibili: sono 140 i progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 Comuni in risposta al bando PNRR “Isole Verdi”.Lo rende noto il Ministero della Transizione ecologica ricordando che gli interventi, per un valore complessivo...

Rinnovabili: un passo indietro per guardare avanti

Reperimento di Gas in giro per il mondo, nuovi rigassificatori, riapertura delle centrali a carbone: la strada tracciata dal governo Draghi per uscire dalla dipendenza del gas russo è fossile. Un paradosso? Il tempo sentenzierà…Nel frattempo, con gli ultimi due...

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...

Tra energia e digitalizzazione: come cambiano le nostre Cantine

Vinitaly 2022, Il confronto tra l’Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power S.p.A e l’Amm. Unico di Global Power Plus e Francesco Masini, responsabile marketing e comunicazione di Vecomp, moderato da Luca Mantovani, Capodirettore di L’Arena. Sostenibilità,...

GPS sponsor di IBIMI – buildingSMART Italy

Il 19 maggio la nostra consociata Global Power Service E.S.Co. sarà presente in veste di sponsor alla 5° Edizione della Conferenza Nazionale IBIMI – buildingSMART Italy, patrocinata dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma, a conferma del crescente interesse delle...

GP+ e GPS partner per la transizione energetica

Global Power Plus e la consociata Global Power Service E.S.Co. supportano privati e aziende nella transizione energetica, promuovendo, tra gli altri servizi, l’installazione di sistemi fotovoltaici. Negli ultimi anni è cresciuto il numero di imprese e cittadini che...