Manifesto ”Cambiare le città”

10 Ago 2021PA

la città cambia

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve essere impiegato in vista di una vera qualità ambientale e sociale. Così inizia la campagna ‘’La Città cambia, cambiamo le città’’ una lettera aperta per la mobilitazione pubblica sullo sviluppo urbano e cura del territorio firmata da architetti, designer, filosofi, ambientalisti e accademici italiani.

‘’Una firma per l’Italia’’ è l’invito aperto a tutti gli stakeholder interessati a dare un contributo per cambiare finalmente passo e per sottolineare l’urgenza di adottare nuove misure per prevenire i disastri climatici, dal dissesto idrogeologico al consumo di suolo, dall’inquinamento dell’aria e lo spopolamento dei borghi, al degrado delle periferie delle nostre città.

L’iniziativa nasce grazie a Milano Design Film Festival e The Good Life Italia, con cura degli Architetti Alfonso Femia e Andrea Boschetti, capofila del progetto. L’obiettivo è creare consapevolezza sulla responsabilità professionale collettiva che negli ultimi anni non ha fatto altro che togliere spazio, condivisione e tempo. Secondo Alfonso Femia, serve un salto di qualità nella cultura della progettazione che eviti false soluzioni e metta in equilibrio società e economia.

cambiare le città

Il programma NextGenerationEU e il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) elaborato dal governo italiano rappresentano una straordinaria opportunità per affrontare strutturalmente i problemi dello sviluppo urbano, della prevenzione e della cura del territorio del nostro Paese. L’Italia conta oggi circa 8.000 Comuni, ( il 70% dei quali sotto i 5.000 abitanti), e quasi 60.000 nuclei urbani. Negli ultimi 70 anni, l’incremento delle aree urbanizzate ha portato al drastico aumento di siti fragili, colpiti da alluvioni e spopolamento. 

architettura per la comunità

Il XXI secolo è stato definito il secolo delle città. Se a metà del ’900 soltanto 80 superavano il milione di abitanti, oggi sono più di 300 e tra 10 anni almeno 43 megalopoli avranno più di 10 milioni di abitanti: una crescita quantitativa che si compie a spese di quella qualitativa, moltiplicando emergenze sociali e ambientali. Come evidenziato dall’Onu nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, è nelle città che la battaglia per la sostenibilità si vince o si perde. Perché è nelle aree urbane che nel 2050 vivrà il 70% della popolazione mondiale. È nelle città che si concentra l’80% del Pil e il 56% dei posti di lavoro. È nelle città che si consuma il 75% dell’energia e si produce oltre il 50% delle emissioni di gas serra. Le città consumano grandi volumi di risorse idriche e alimentari senza produrne alcuna. Sono più fragili di fronte al cambiamento climatico, più esposte all’inquinamento atmosferico e alle pandemie. E’ sempre nelle cità, infine, che aumentano le disuguaglianze, nel Mondo, in Europa e anche in Italia. 

architettura per le persone

I dati forniti sono più che sconcertanti: 7,3 milioni di cittadini vivono a rischio di frane o alluvioni; 36 mila ettari di terreno investiti da incendi nel 2019(!); 17,7 abitazioni abusive, su 100 autorizzate; 135mq di cemento per bambino; l’8% delle scuole è conforme alla normativa antisismica. Forse può bastare!

Una campagna che vuole richiamare l’attenzione sul problema della sostenibilità del territorio attraverso le otto soluzioni: ascoltare, condividere, ricucire, ridurre, forestare, includere, favorire, superare.

Come possiamo contribuire a queste 8 azioni?

  • Solo ascoltando i cittadini possiamo capire i loro bisogni e le loro necessità, promuovere la loro partecipazione alla vita della comunità;
  • La condivisione dello spazio e dei beni comuni, a partire dall’acqua e dal suolo, investendo nei mezzi pubblici e piste ciclabili;
  • Recuperare gli edifici, gli spazi, gli orti abbandonati, dando loro la seconda vita, attraverso la riqualificazione e la loro ristrutturazione;
  • Forestare, cioè, favorire la piantumazione delle foreste urbane, costruendo nuovi corridoi ecologici, incrementando in questo modo la biodiversità del paese e riducendo le emissioni del gas serra;
  • ‘’Includere’’: garantire un servizio all’abitare che superi una visione semplice del solo diritto alla casa;
  • Favorire l’ambiente naturale all’interno del tessuto urbano, cercare di cancellare l’opposizione tra città e le periferie;
  • Superare, una governance a breve periodo e promuovere una visione lungimirante a favore del territorio.
architecture for people

A chi è rivolta questa lettera?

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi, a tutti i Ministri competenti e a tutte le forze sociali, politiche e culturali che hanno a cuore il futuro, i firmatari vogliono richiamare l’attenzione su 8 azioni improrogabili al fine di progettare le città e i territori in modo da renderli più sicuri, integri, vivibili, interconnessi e inclusivi.

Potete visionare e firmare la lettera cliccando qui 

EPBD 2035: Ristrutturare per un Futuro Sostenibile

Presentiamo la "Direttiva europea sulle case green", parte integrante del Green Deal europeo, che si propone di trasformare gli edifici dell'UE in campioni di efficienza energetica entro il 2035. Questa normativa non solo si impegna a ridurre drasticamente le...

Plant Crossing”: L’Arte di Scambiare Piante e Semi per un Mondo Più Verde

Scopriamo insieme il mondo affascinante del "Plant Crossing", un'innovativa pratica di scambio di piante e semi che unisce appassionati di giardinaggio in una missione comune: arricchire la biodiversità e promuovere uno stile di vita sostenibile. Questo articolo...

She, Green: Il Podcast che Celebra le Donne nel Movimento Ambientalista

Il 20 febbraio ha segnato il lancio di "She, Green", un podcast innovativo prodotto da Chora Media in collaborazione con Il Bo Live, il magazine digitale dell'Università di Padova. Questa serie si dedica all'importante contributo delle donne alla salvaguardia...

Varanto: Rivoluzione Energetica nel Cuore della Finlandia

Il Futuro dello Stoccaggio Termico in Finlandia La Finlandia è all'avanguardia nella gestione sostenibile delle risorse energetiche e sta per accogliere un nuovo gigante nel campo dell'energia rinnovabile: il progetto Varanto. Situato a Vantaa, questo sarà il più...

Forum PA 2024: La Rivoluzione Digitale dei Comuni Italiani

Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo L'Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo, realizzata da FPA per Deda Next e presentata a FORUM PA 2024, offre un'analisi aggiornata dello stato di avanzamento delle principali amministrazioni...

Il Ruolo Cruciale dell’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

L'energy manager, un professionista chiave nell'ambito dell'efficienza energetica, trova il suo ruolo particolarmente strategico nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA). Questa figura, emersa oltre trent'anni fa e consolidatasi nei settori industriali e nelle...

Innovazione o Illusione? Il Dibattito sul Primo Volo Transatlantico con “Carburante Verde”

Un’impresa pionieristica nel campo dell’aviazione si prepara a fare storia: Virgin Galactic prevede di attraversare l’Atlantico con un Boeing 787 alimentato esclusivamente da un mix di olii riciclati e prodotti vegetali. Tuttavia, questa mossa ha sollevato dubbi sulla...

Decreto CER: Un Passo Avanti nella Transizione Energetica

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha annunciato la pubblicazione di un decreto fondamentale per il futuro energetico dell’Italia. Questo provvedimento legislativo mira a stimolare la creazione e l’espansione delle Comunità Energetiche Rinnovabili...

2024: Rincari energetici? La speculazione sui prezzi non c’entra!

E’ bene chiarirlo subito e senza fraintendimenti. Nel 2024, la spesa energetica delle famiglie italiane è destinata a aumentare, ma non per scelta dei fornitori. Nulla a che vedere con le dinamiche del 2022 e le tensioni sui mercati che hanno fatto registrare prezzi...

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...