Manifesto ”Cambiare le città”

10 Ago 2021PA

la città cambia

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve essere impiegato in vista di una vera qualità ambientale e sociale. Così inizia la campagna ‘’La Città cambia, cambiamo le città’’ una lettera aperta per la mobilitazione pubblica sullo sviluppo urbano e cura del territorio firmata da architetti, designer, filosofi, ambientalisti e accademici italiani.

‘’Una firma per l’Italia’’ è l’invito aperto a tutti gli stakeholder interessati a dare un contributo per cambiare finalmente passo e per sottolineare l’urgenza di adottare nuove misure per prevenire i disastri climatici, dal dissesto idrogeologico al consumo di suolo, dall’inquinamento dell’aria e lo spopolamento dei borghi, al degrado delle periferie delle nostre città.

L’iniziativa nasce grazie a Milano Design Film Festival e The Good Life Italia, con cura degli Architetti Alfonso Femia e Andrea Boschetti, capofila del progetto. L’obiettivo è creare consapevolezza sulla responsabilità professionale collettiva che negli ultimi anni non ha fatto altro che togliere spazio, condivisione e tempo. Secondo Alfonso Femia, serve un salto di qualità nella cultura della progettazione che eviti false soluzioni e metta in equilibrio società e economia.

cambiare le città

Il programma NextGenerationEU e il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) elaborato dal governo italiano rappresentano una straordinaria opportunità per affrontare strutturalmente i problemi dello sviluppo urbano, della prevenzione e della cura del territorio del nostro Paese. L’Italia conta oggi circa 8.000 Comuni, ( il 70% dei quali sotto i 5.000 abitanti), e quasi 60.000 nuclei urbani. Negli ultimi 70 anni, l’incremento delle aree urbanizzate ha portato al drastico aumento di siti fragili, colpiti da alluvioni e spopolamento. 

architettura per la comunità

Il XXI secolo è stato definito il secolo delle città. Se a metà del ’900 soltanto 80 superavano il milione di abitanti, oggi sono più di 300 e tra 10 anni almeno 43 megalopoli avranno più di 10 milioni di abitanti: una crescita quantitativa che si compie a spese di quella qualitativa, moltiplicando emergenze sociali e ambientali. Come evidenziato dall’Onu nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, è nelle città che la battaglia per la sostenibilità si vince o si perde. Perché è nelle aree urbane che nel 2050 vivrà il 70% della popolazione mondiale. È nelle città che si concentra l’80% del Pil e il 56% dei posti di lavoro. È nelle città che si consuma il 75% dell’energia e si produce oltre il 50% delle emissioni di gas serra. Le città consumano grandi volumi di risorse idriche e alimentari senza produrne alcuna. Sono più fragili di fronte al cambiamento climatico, più esposte all’inquinamento atmosferico e alle pandemie. E’ sempre nelle cità, infine, che aumentano le disuguaglianze, nel Mondo, in Europa e anche in Italia. 

architettura per le persone

I dati forniti sono più che sconcertanti: 7,3 milioni di cittadini vivono a rischio di frane o alluvioni; 36 mila ettari di terreno investiti da incendi nel 2019(!); 17,7 abitazioni abusive, su 100 autorizzate; 135mq di cemento per bambino; l’8% delle scuole è conforme alla normativa antisismica. Forse può bastare!

Una campagna che vuole richiamare l’attenzione sul problema della sostenibilità del territorio attraverso le otto soluzioni: ascoltare, condividere, ricucire, ridurre, forestare, includere, favorire, superare.

Come possiamo contribuire a queste 8 azioni?

  • Solo ascoltando i cittadini possiamo capire i loro bisogni e le loro necessità, promuovere la loro partecipazione alla vita della comunità;
  • La condivisione dello spazio e dei beni comuni, a partire dall’acqua e dal suolo, investendo nei mezzi pubblici e piste ciclabili;
  • Recuperare gli edifici, gli spazi, gli orti abbandonati, dando loro la seconda vita, attraverso la riqualificazione e la loro ristrutturazione;
  • Forestare, cioè, favorire la piantumazione delle foreste urbane, costruendo nuovi corridoi ecologici, incrementando in questo modo la biodiversità del paese e riducendo le emissioni del gas serra;
  • ‘’Includere’’: garantire un servizio all’abitare che superi una visione semplice del solo diritto alla casa;
  • Favorire l’ambiente naturale all’interno del tessuto urbano, cercare di cancellare l’opposizione tra città e le periferie;
  • Superare, una governance a breve periodo e promuovere una visione lungimirante a favore del territorio.
architecture for people

A chi è rivolta questa lettera?

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi, a tutti i Ministri competenti e a tutte le forze sociali, politiche e culturali che hanno a cuore il futuro, i firmatari vogliono richiamare l’attenzione su 8 azioni improrogabili al fine di progettare le città e i territori in modo da renderli più sicuri, integri, vivibili, interconnessi e inclusivi.

Potete visionare e firmare la lettera cliccando qui 

Fotovoltaico in condominio: c’è libertà d’azione

Il singolo condomino può montare pannelli su parti comuni dell’edificio senza dover ottenere l’ok dall’assemblea, a condizione, però, che l’impianto garantisca le condizioni di stabilità e sicurezza per il decoro architettonico del palazzo. La svolta arriva dalla...

Pnrr: 450 milioni per dare il via libera alla Hydrogen Valley

Sul sito del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica è stato pubblicato il decreto, da 450 milioni di euro, che dà il via libera alla costruzione di una valle dell'idrogeno. Questo investimento del Pnrr sostiene la produzione di idrogeno verde in aree...

Terna: il consumo di elettricità in Italia sarà di 316,8 TWh nel 2022

Domanda nazionale inferiore dell'1% rispetto al 2021, rinnovabili al 31% della domanda; la tendenza che ha caratterizzato gli ultimi mesi è proseguita a dicembre: -9,1% per tutti i consumi e -15% per gli usi industriali. Secondo i dati di Terna, che gestisce la rete...

C.E.R. – decreto di prossima emanazione

“Finalmente ci siamo. Il decreto attuativo delle Comunità Energetiche Rinnovabili è quasi pronto e sarà pubblicato nelle prossime settimane". Lo ha annunciato Vania Gava, Vice Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, in occasione del Forum dei consumatori...

Terna: Tyrrhenian link, il più grande progetto industriale italiano degli ultimi decenni

Il Tyrrhenian link è il progetto (targato TERNA) di trasmissione di energia sottomarina più importante al mondo totalmente Made in Italy. TERNA, guidata dall'amministratore delegato Stefano Donnarumma, investirà complessivamente 3,7 miliardi di euro (di cui 1,9...

Tetto al prezzo del gas, c’è l’accordo.

Quello del price cap è stato il tema più dibattuto negli ultimi mesi per l’avvento della crisi energetica. Ebbene l’Unione Europea, dopo mesi di discussione, con la quasi totalità dei membri, ha trovato la quadra politica. Lo ha fatto lunedì 19 dicembre, nel vertice...

Assemblea Anci 2022 – sintesi degli interventi di Ministri e Sottosegretari

Dal 22 al 24 novembre si è svolta l'Assemblea Annuale ANCI con un focus particolare sull'ideazione, la crescita e lo sviluppo di ambiziosi progetti e soluzioni che accrescano l’efficienza dei Comuni e il benessere dei cittadini. Riportiamo, in sintesi, gli interventi...

Cop27: la conferenza senza risposte

Si è conclusa pochi giorni fa la ventisettesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la famigerata Cop27, tenutasi a Sharm el-Sheikh dal 6 al 20 novembre scorso. Com’è andata? Grande successo o clamoroso fallimento? I pareri di istituzioni, esperti e...

Comunità energetiche all’ultima curva

“Il decreto è pronto” La regolamentazione delle Comunità energetiche sta finalmente iniziando ad assumere lineamenti sempre più definiti. Un traguardo atteso da mesi che ora sembra davvero “a portata di mano”. Lo conferma lo stesso ministro dell’Ambiente e della...

Aiuti ter: il decreto che restituisce speranza

È del 17 novembre la notizia relativa la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto Aiuti ter, il n. 144 del 2022, di cui potete trovare, a fondo pagina, il link che porta al testo coordinato. Il decreto contiene le misure approvate...