Manifesto ”Cambiare le città”

10 Ago 2021PA

la città cambia

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve essere impiegato in vista di una vera qualità ambientale e sociale. Così inizia la campagna ‘’La Città cambia, cambiamo le città’’ una lettera aperta per la mobilitazione pubblica sullo sviluppo urbano e cura del territorio firmata da architetti, designer, filosofi, ambientalisti e accademici italiani.   

‘’Una firma per l’Italia’’ è l’invito aperto a tutti gli stakeholder interessati a dare un contributo per cambiare finalmente passo e per sottolineare l’urgenza di adottare nuove misure per prevenire i disastri climatici, dal dissesto idrogeologico al consumo di suolo, dall’inquinamento dell’aria e lo spopolamento dei borghi, al degrado delle periferie delle nostre città.

L’iniziativa nasce grazie a Milano Design Film Festival e The Good Life Italia, con cura degli Architetti Alfonso Femia e Andrea Boschetti, capofila del progetto. L’obiettivo è creare consapevolezza sulla responsabilità professionale collettiva che negli ultimi anni non ha fatto altro che togliere spazio, condivisione e tempo. Secondo Alfonso Femia, serve un salto di qualità nella cultura della progettazione che eviti false soluzioni e metta in equilibrio società e economia.

cambiare le città

Il programma NextGenerationEU e il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) elaborato dal governo italiano rappresentano una straordinaria opportunità per affrontare strutturalmente i problemi dello sviluppo urbano, della prevenzione e della cura del territorio del nostro Paese. L’Italia conta oggi circa 8.000 Comuni, ( il 70% dei quali sotto i 5.000 abitanti), e quasi 60.000 nuclei urbani. Negli ultimi 70 anni, l’incremento delle aree urbanizzate ha portato al drastico aumento di siti fragili, colpiti da alluvioni e spopolamento. 

architettura per la comunità

Il XXI secolo è stato definito il secolo delle città. Se a metà del ’900 soltanto 80 superavano il milione di abitanti, oggi sono più di 300 e tra 10 anni almeno 43 megalopoli avranno più di 10 milioni di abitanti: una crescita quantitativa che si compie a spese di quella qualitativa, moltiplicando emergenze sociali e ambientali. Come evidenziato dall’Onu nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, è nelle città che la battaglia per la sostenibilità si vince o si perde. Perché è nelle aree urbane che nel 2050 vivrà il 70% della popolazione mondiale. È nelle città che si concentra l’80% del Pil e il 56% dei posti di lavoro. È nelle città che si consuma il 75% dell’energia e si produce oltre il 50% delle emissioni di gas serra. Le città consumano grandi volumi di risorse idriche e alimentari senza produrne alcuna. Sono più fragili di fronte al cambiamento climatico, più esposte all’inquinamento atmosferico e alle pandemie. E’ sempre nelle cità, infine, che aumentano le disuguaglianze, nel Mondo, in Europa e anche in Italia. 

architettura per le persone

I dati forniti sono più che sconcertanti: 7,3 milioni di cittadini vivono a rischio di frane o alluvioni; 36 mila ettari di terreno investiti da incendi nel 2019(!); 17,7 abitazioni abusive, su 100 autorizzate; 135mq di cemento per bambino; l’8% delle scuole è conforme alla normativa antisismica. Forse può bastare!

Una campagna che vuole richiamare l’attenzione sul problema della sostenibilità del territorio attraverso le otto soluzioni: ascoltare, condividere, ricucire, ridurre, forestare, includere, favorire, superare.

Come possiamo contribuire a queste 8 azioni?

  • Solo ascoltando i cittadini possiamo capire i loro bisogni e le loro necessità, promuovere la loro partecipazione alla vita della comunità;
  • La condivisione dello spazio e dei beni comuni, a partire dall’acqua e dal suolo, investendo nei mezzi pubblici e piste ciclabili;
  • Recuperare gli edifici, gli spazi, gli orti abbandonati, dando loro la seconda vita, attraverso la riqualificazione e la loro ristrutturazione;
  • Forestare, cioè, favorire la piantumazione delle foreste urbane, costruendo nuovi corridoi ecologici, incrementando in questo modo la biodiversità del paese e riducendo le emissioni del gas serra;
  • ‘’Includere’’: garantire un servizio all’abitare che superi una visione semplice del solo diritto alla casa;
  • Favorire l’ambiente naturale all’interno del tessuto urbano, cercare di cancellare l’opposizione tra città e le periferie;
  • Superare, una governance a breve periodo e promuovere una visione lungimirante a favore del territorio.
architecture for people

A chi è rivolta questa lettera?

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Mario Draghi, a tutti i Ministri competenti e a tutte le forze sociali, politiche e culturali che hanno a cuore il futuro, i firmatari vogliono richiamare l’attenzione su 8 azioni improrogabili al fine di progettare le città e i territori in modo da renderli più sicuri, integri, vivibili, interconnessi e inclusivi.

Potete visionare e firmare la lettera cliccando qui 

Comunità Energetiche e Comuni

Il 26 dicembre entra in vigore il decreto legislativo che attua la direttiva europea 2019/944 sulle norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica. Questo rende possibile in Italia la realizzazione di progetti di comunità energetiche per produrre energia...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

In Italia l’aria irrespirabile arriva la condanna dalla parte dell’EU

In Italia l’aria è troppo inquinata. Nelle grandi città come Torino, Milano, Firenze, Roma e Genova hanno rivelato un alto livello di quantità di biossido d’azoto in atmosfera. Questo elemento è inquinante e nocivo per la salute dell’uomo. Ed è proprio per non aver...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

PNRR: energia, al via i progetti delle isole italiane

Le isole italiane diventano più sostenibili: sono 140 i progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 Comuni in risposta al bando PNRR “Isole Verdi”.Lo rende noto il Ministero della Transizione ecologica ricordando che gli interventi, per un valore complessivo...

Rinnovabili: un passo indietro per guardare avanti

Reperimento di Gas in giro per il mondo, nuovi rigassificatori, riapertura delle centrali a carbone: la strada tracciata dal governo Draghi per uscire dalla dipendenza del gas russo è fossile. Un paradosso? Il tempo sentenzierà…Nel frattempo, con gli ultimi due...

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...

Tra energia e digitalizzazione: come cambiano le nostre Cantine

Vinitaly 2022, Il confronto tra l’Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power S.p.A e l’Amm. Unico di Global Power Plus e Francesco Masini, responsabile marketing e comunicazione di Vecomp, moderato da Luca Mantovani, Capodirettore di L’Arena. Sostenibilità,...

GPS sponsor di IBIMI – buildingSMART Italy

Il 19 maggio la nostra consociata Global Power Service E.S.Co. sarà presente in veste di sponsor alla 5° Edizione della Conferenza Nazionale IBIMI – buildingSMART Italy, patrocinata dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma, a conferma del crescente interesse delle...

GP+ e GPS partner per la transizione energetica

Global Power Plus e la consociata Global Power Service E.S.Co. supportano privati e aziende nella transizione energetica, promuovendo, tra gli altri servizi, l’installazione di sistemi fotovoltaici. Negli ultimi anni è cresciuto il numero di imprese e cittadini che...