La ripresa economica dovrebbe puntare sul green? È una questione di tempismo

3 Apr 2020Sostenibilità

Ogni settimana che passa, la crisi economica causata dalla pandemia si fa più profonda e gli interventi per reggere il colpo diventano sempre più importanti.

Tali sconvolgimenti nelle economie mondiali sono rari. Con i governi che annunciano centinaia di miliardi di dollari in pacchetti di incentivi, molti vedono questo come un’opportunità per indirizzare gli interventi economici in modo che siano il più green possibile.

In Italia, il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa afferma quanto sia necessario puntare su una produttività futura che tuteli salute e ambiente in primis, dichiarando che l’emergenza Covid-19 è una giusta opportunità “per rivedere i nostri comportamenti e ripartire con una mentalità completamente diversa”.

Il Coronavirus, secondo Costa, permette a istituzioni e famiglie di rimettere la sostenibilità al primo posto, potenziando anche le attività di riciclo. Con la campagna #ricicloincasa, il Ministero dell’Ambiente promuove una nuova logica tra i cittadini, chiamati a cambiare i paradigmi dell’usa e getta, optando per scelte consapevoli e green.

A livello globale “data la particolare situazione economica, si potrebbero fare interventi molto mirati e massivi per costruire economie solide, resilienti, inclusive e sostenibili”, ha detto alla BBC Mariana Mazzucato, professoressa di economia all’University College di Londra. In questo scenario, infatti, ci sarebbero le condizioni ideali per migliorare il trattamento dei lavoratori e ridurre le emissioni.

Gli investimenti previsti sono enormi. Il Congresso degli Stati Uniti sta prendendo in considerazione un pacchetto del valore di $ 1,8 trilioni. Sarebbero previsti prestiti a piccole imprese, incentivi a privati e un programma di salvataggio per le compagnie aeree. Ci sono anche disposizioni per destinare $ 425 miliardi a imprese in difficoltà, ma senza alcun dettaglio sulle tipologie di aziende o settori che ne potranno beneficiare. I pacchetti di incentivi dei paesi europei contengono stanziamenti simili, adeguati alle loro economie.

Alcuni esperti vedono la pandemia come un’opportunità storica per guidare il mondo in una direzione più sostenibile. Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, preme affinchè l’energia pulita sia al centro dei piani di sviluppo per contrastare la crisi.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Il Ruolo Cruciale dell’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

L'energy manager, un professionista chiave nell'ambito dell'efficienza energetica, trova il suo ruolo particolarmente strategico nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA). Questa figura, emersa oltre trent'anni fa e consolidatasi nei settori industriali e nelle...

Innovazione o Illusione? Il Dibattito sul Primo Volo Transatlantico con “Carburante Verde”

Un’impresa pionieristica nel campo dell’aviazione si prepara a fare storia: Virgin Galactic prevede di attraversare l’Atlantico con un Boeing 787 alimentato esclusivamente da un mix di olii riciclati e prodotti vegetali. Tuttavia, questa mossa ha sollevato dubbi sulla...

Decreto CER: Un Passo Avanti nella Transizione Energetica

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha annunciato la pubblicazione di un decreto fondamentale per il futuro energetico dell’Italia. Questo provvedimento legislativo mira a stimolare la creazione e l’espansione delle Comunità Energetiche Rinnovabili...

2024: Rincari energetici? La speculazione sui prezzi non c’entra!

E’ bene chiarirlo subito e senza fraintendimenti. Nel 2024, la spesa energetica delle famiglie italiane è destinata a aumentare, ma non per scelta dei fornitori. Nulla a che vedere con le dinamiche del 2022 e le tensioni sui mercati che hanno fatto registrare prezzi...

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...

Semaforo giallo sulla fine del mercato tutelato. L’Europa ci guarda.

L'ARERA (Autorità di Regolamentazione per l'Energia, Reti e l'Ambiente), operando in conformità alle disposizioni del recente decreto energia (181/23), ha deliberato il rinvio della scadenza di chiusura del Mercato Tutelato dell'elettricità per i clienti domestici non...

Industria 5.0: Il Ritorno dell’Umanità nel Cuore dell’Automazione

L'avvento dell'Industria 4.0 ha segnato una svolta radicale nella produzione manifatturiera, introducendo l'automazione intelligente e l'interconnessione tra macchine, sistemi e persone. Oggi, mentre ci avviciniamo all'orizzonte dell'Industria 5.0, assistiamo a un...

Da “Phase Out” a “Transitioning away”… Nella COP28 il compromesso sul fossile è un gioco di parole

Il 13 dicembre la presidenza della COP28 a Dubai ha annunciato l’approvazione dell’accordo sui nuovi impegni internazionali per affrontare il cambiamento climatico. Una decisione definitiva e all’unanimità che, tuttavia, ha lasciato aperti ancora molti interrogativi...

CityTree, la parete verde che combatte l’inquinamento assorbendo CO2

In un mondo sempre più preoccupato per l’inquinamento atmosferico, una soluzione innovativa si è affermata nelle città europee per migliorare la qualità dell’aria: i pannelli CityTree, conosciuti come “mangia-smog”, hanno dimostrato di essere altamente efficaci...

Incentivi alle Comunità Energetiche Rinnovabili: Approvazione da Parte di Bruxelles

La Commissione europea ha recentemente approvato il decreto italiano volto a incentivare la diffusione dell’autoconsumo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Questo significativo passo è stato accolto con grande soddisfazione dal Ministro dell’Ambiente e della...