In Italia l’aria irrespirabile arriva la condanna dalla parte dell’EU

31 Mag 2022Mondo Energia, Mondo Global Power

smog Italia

In Italia l’aria è troppo inquinata. Nelle grandi città come Torino, Milano, Firenze, Roma e Genova hanno rivelato un alto livello di quantità di biossido d’azoto in atmosfera. Questo elemento è inquinante e nocivo per la salute dell’uomo. Ed è proprio per non aver rispettato il valore limite annuale di questo e per non aver introdotto misure a garantire il rispetto dei valori limiti di No2 (biossido d’azoto), che l’Italia è stata condannata dalla Corte di giustizia europea.

Di che condanna si tratta?

Secondo la Corte, il superamento del valore limite annuale fissato per il biossido d’azoto (pari a 40 μg/m3)  è di per sé sufficiente per ritenere l’inadempimento dell’Italia all’obbligo della direttiva europea 2008/50/CE. Le numerose giustificazioni fornite dall’Italia – dalle “difficoltà legate ai fattori socio-economici agli investimenti di grande portata da mettere in opera” –, giustificazioni ritenute “non valide” dalla Corte.

Il lato positivo della vicenda? Le rinnovabili, dove il Paese fortunatamente ha compiuto grandi passi avanti. L’inquinamento sembra essere ancora un punto debole, con ritardi elevati soprattutto sul fronte delle misure contenitive.

Estate rovente, condizionatori al massimo, bollette salate e un autunno alle porte all’insegna dei rincari energetici… ma non per tutti

Estate rovente, condizionatori al massimo, bollette salate e un autunno alle porte all’insegna dei rincari energetici... ma non per tutti. E' il caso dei clienti GP+ che hanno scelto i servizi di Sostenibilità 360 e che hanno intrapreso un vero percorso di transizione...

Verde urbano: una strategia per contrastare i cambiamenti climatici

La partita più importante Le metropoli e le grandi città di tutto il mondo sono un po’ come il “Centrale di Wimbledon”: il campo principale dove avrà luogo la partita più importante dei prossimi decenni, la salvaguardia dell’ambiente. Nell’articolo di oggi parliamo di...

Caro bollette: come risparmiare sui consumi estivi

Stiamo freschi… È arrivata l’estate e quando si parla di temperature l’essere umano sembra davvero non aver memoria. Ogni anno la stessa identica storia: “non ricordo estati così torride”, “mai fatto così caldo” e via dicendo. Quest’anno però c’è poco da scherzarci...

Crisi energetica: cosa dobbiamo aspettarci

Trovata l'intesa in UE nell'ottica di una maggiore indipendenza dalle forniture russe. Rimandata in autunno la discussione sul price cap.I Ministri dell'Energia dell'Unione Europea hanno trovato un accordo per ridurre i consumi di gas del 15%, sostenendo il fabbisogno...

Comunità Energetiche e Comuni

Il 26 dicembre entra in vigore il decreto legislativo che attua la direttiva europea 2019/944 sulle norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica. Questo rende possibile in Italia la realizzazione di progetti di comunità energetiche per produrre energia...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

PNRR: energia, al via i progetti delle isole italiane

Le isole italiane diventano più sostenibili: sono 140 i progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 Comuni in risposta al bando PNRR “Isole Verdi”.Lo rende noto il Ministero della Transizione ecologica ricordando che gli interventi, per un valore complessivo...

Rinnovabili: un passo indietro per guardare avanti

Reperimento di Gas in giro per il mondo, nuovi rigassificatori, riapertura delle centrali a carbone: la strada tracciata dal governo Draghi per uscire dalla dipendenza del gas russo è fossile. Un paradosso? Il tempo sentenzierà…Nel frattempo, con gli ultimi due...

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...