E se la lotta al cambiamento climatico fosse una panacea per l’economia anche al tempo del COVID?

30 Apr 2020Mondo Energia

E se fosse ancora una volta l’ambiente il tassello mancante fra scienza ed economia a dare una prospettiva concreta al sistema economico Europeo compromesso dalla pandemia?

Un interessante articolo di Luca Angelini, pubblicato nella sezione Economia de “Il Corriere della Sera”, ha attirato la nostra attenzione e per questo ve ne proponiamo alcuni stralci.
Angelini riprende il teorema di due Economisti francesi Laurence Scialom e Baptiste Bridonneau (del laboratorio di ricerca EconomiX all’università Paris-Nanterr) che vedono nella BCE il soggetto principe in grado di produrre strumenti alternativi ai controversi MES e Coronabond.

Ma in che modo? «La Banca centrale europea che in questi anni di Quantitative Easing (il famoso «bazooka» di Draghi) ha acquistato massicce dosi di titoli di Stato della zona euro, ossia di debito pubblico – scrive Angelini – potrebbe decidere di cancellare parte di quel debito, per alleggerire il fardello della crisi e dare ossigeno alla ripresa» a condizione che «i margini di manovra così riconquistati siano diretti verso una riconversione ecologica delle nostre economie.

Un modo per salvare sia la capra della ripresa che i cavoli della lotta al cambiamento climatico. O, detto in modo meno grossolano, «un’opzione buona a breve termine per l’economia, visto che sostiene l’attività produttiva e l’impiego di ogni Paese della zona euro e buona a medio-lungo termine per tutti, visto che la preservazione del clima è un bene pubblico mondiale».

Ma, a parte le possibili difficoltà tecniche di applicazione – continua Angelini – Scialom e Bridonneau sostengono che «la soluzione è politicamente possibile perché la Bce è l’istituzione in cui è più debole, per un governo, la possibilità di opporre un veto». Mentre per gli eurobond serve l’unanimità, nella Bce basta la maggioranza dei due terzi. È grazie a quello, ricordano i due economisti, che passò il whatever it takes di Draghi, nonostante il voto contrario di Jens Weidmann della Bundesbank. E, di fronte alla crisi economica ed ecologica, concludono, «potrebbe essere di nuovo necessario far pendere i rapporti di forza a favore dei partigiani del cambiamento politico che di quelli dello status quo. La Bce salverebbe così, ancora una volta, la zona euro dai suoi demoni».

Fonte “Corriere della Sera”, a cura di Luca Angelini

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Scuola Green: la sostenibilità va a scuola!

“Suola Green” è la nuova offerta energetica 100% verde, creata dalla nostra controllata Global Power Plus, dedicata al sistema scolastico nazionale, che prevede la fornitura di energia elettrica e gas naturale con la certificazione di provenienza al 100% da fonti...

“Too Good To Go” l’App che lotta contro lo spreco alimentare

Finalmente prende piede anche in Italia la prima app mobile che permette agli utenti di acquistare – a prezzi scontatissimi - generi alimentari freschi destinati ad essere buttati a fine giornata.Grazie ad una rete virtuosa di esercenti, sempre più in crescita a...

Arbolia: l’Italia respira verde

La forestazione è una delle soluzioni più semplici per combattere il #climatechange e pulire l’aria nei centri urbani.Piantare nuovi alberi fa bene al pianeta e ai singoli territori, perché le piante assorbono le emissioni di CO2, riequilibrano le temperature, rendono...

Obiettivi climatici 2020: l’impegno delle multinazionali

Negli ultimi anni, numerose multinazionali si sono impegnate per raggiungere le emissioni zero, sollecitate sia dagli investitori che dai consumatori. Nella maggior parte dei casi, però, l’obiettivo non sarà raggiunto prima della metà del secolo.Nel 2015, alcune...

Video: imparare dal 2020 per ripartire nel 2021

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su Leggi le altre News Virtuose

Video: Green Deal Europeo

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su Leggi le altre News Virtuose

BONUS 110%: GPS è operativa con l’offerta BE GREEN!

Al via i primi 11 Condomini e 7 abitazioni! Il BONUS 110% è una realtà concreta per i clienti di Global Power Service che, grazie a BE GREEN, possono realizzare l’efficientamento energetico di edifici di proprietà. In qualità di general contractor GPS ha già avviato...

Inventario mondiale delle piante, aggiornato dopo 50 anni

Si attendeva dal 1972 l’aggiornamento ufficiale del più grande inventario della flora mondiale, comprendente oggi più di 1,3 milioni di nomi scientifici di piante. A realizzarlo sono stati gli scienziati del giardino botanico dell’Università di Lipsia, in Germania.Il...

Italia prima in UE per i progetti sull’Ambiente

Sono 29 i progetti elaborati da team italiani approvati dalla Commissione Europea all’interno del progetto LIFE.Realizzato a partire dal 1992, LIFE è uno dei programmi “storici” dell’Unione europea. Mirato alla salvaguardia dell’habitat ambientale e della...

Rinnovabili offshore UE: sarà il Mediterraneo la culla dell’energia pulita

Fra le strategie adottate per potenziare il settore delle rinnovabili e aumentarne la capacità produttiva, quella offshore adottata dalla Commissione Europea ha come focus l’eolico e l’ambizioso obiettivo di aumentare di sei volte la produzione in mare entro il 2030 e...