E se la lotta al cambiamento climatico fosse una panacea per l’economia anche al tempo del COVID?

30 Apr 2020 | Mondo Energia

E se fosse ancora una volta l’ambiente il tassello mancante fra scienza ed economia a dare una prospettiva concreta al sistema economico Europeo compromesso dalla pandemia?

Un interessante articolo di Luca Angelini, pubblicato nella sezione Economia de “Il Corriere della Sera”, ha attirato la nostra attenzione e per questo ve ne proponiamo alcuni stralci.
Angelini riprende il teorema di due Economisti francesi Laurence Scialom e Baptiste Bridonneau (del laboratorio di ricerca EconomiX all’università Paris-Nanterr) che vedono nella BCE il soggetto principe in grado di produrre strumenti alternativi ai controversi MES e Coronabond.

Ma in che modo? «La Banca centrale europea che in questi anni di Quantitative Easing (il famoso «bazooka» di Draghi) ha acquistato massicce dosi di titoli di Stato della zona euro, ossia di debito pubblico – scrive Angelini – potrebbe decidere di cancellare parte di quel debito, per alleggerire il fardello della crisi e dare ossigeno alla ripresa» a condizione che «i margini di manovra così riconquistati siano diretti verso una riconversione ecologica delle nostre economie.

Un modo per salvare sia la capra della ripresa che i cavoli della lotta al cambiamento climatico. O, detto in modo meno grossolano, «un’opzione buona a breve termine per l’economia, visto che sostiene l’attività produttiva e l’impiego di ogni Paese della zona euro e buona a medio-lungo termine per tutti, visto che la preservazione del clima è un bene pubblico mondiale».

Ma, a parte le possibili difficoltà tecniche di applicazione – continua Angelini – Scialom e Bridonneau sostengono che «la soluzione è politicamente possibile perché la Bce è l’istituzione in cui è più debole, per un governo, la possibilità di opporre un veto». Mentre per gli eurobond serve l’unanimità, nella Bce basta la maggioranza dei due terzi. È grazie a quello, ricordano i due economisti, che passò il whatever it takes di Draghi, nonostante il voto contrario di Jens Weidmann della Bundesbank. E, di fronte alla crisi economica ed ecologica, concludono, «potrebbe essere di nuovo necessario far pendere i rapporti di forza a favore dei partigiani del cambiamento politico che di quelli dello status quo. La Bce salverebbe così, ancora una volta, la zona euro dai suoi demoni».

Fonte “Corriere della Sera”, a cura di Luca Angelini

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Video: Energy Vault

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su Leggi le altre News Virtuose

Cosa accadrà per le bollette di energia elettrica degli italiani?

Ai sensi della delibera 16/10/2014 501/2014/R/COM (BOLLETTA 2.0: CRITERI PER LA TRASPARENZA DELLE BOLLETTE PER I CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE) è previsto il pagamento del costo al kWh e il corrispettivo di dispacciamento.Ma...

Energia UE: nuovi fondi per le isole minori del Mediterraneo

Anche le isole del Sud Italia potranno adeguare i sistemi energetici locali, entrando nel Green Deal europeo. L’Unione Europea stanzia 120milioni attraverso il Programma Operativo Complementare (POC) Energia e Sviluppo dei Territori, con l’obiettivo di stimolare...

DL Rilancio: incentivi green al 110%

In sintesi vi illustriamo le condizioni e i limiti di accesso alle detrazioni fiscali del Decreto Rilancio 2020, identificate nella Bozza del 13.05.2020, riguardanti gli incentivi per l’efficientamento energetico, il sisma bonus, il fotovoltaico e le colonnine di...

6 consigli per un uso Covid-free e sostenibile dei condizionatori

Ecco a voi 6 semplici consigli (+1) per restare tutti sani e freschi, Pianeta compreso!L’estate è finalmente arrivata, le giornate calde e afose sono una realtà, ma il periodo storico che viviamo ci rendere consapevoli del fatto che ogni azione compiuta ha un...

Video: #liberimaresponsabili

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su Leggi le altre News Virtuose

Energia Green: nuovi fondi europei per la ricerca

In UE si promuovono ricerca e innovazione presso atenei, centri sperimentali e aziende per trovare nuove soluzioni nella generazione di energia rinnovabile.La Commissione Europea, in linea con gli obiettivi di salvaguardia e miglioramento delle condizioni ambientali,...

Ecobonus auto 2020: nuovi incentivi in arrivo

Il “Decreto Legge Rilancio”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, prevede l’Ecobonus a sostegno di auto elettriche ed ibride, stanziando 100 milioni per il 2020 e altri 200 milioni per il 2021.I criteri di accesso sono quelli istituiti con la legge di Bilancio 2019:...

Non tutti i veicoli elettrici sono auto

I veicoli elettrici a due e tre ruote contribuiscono a far diminuire il consumo di combustibili fossili rispetto a qualsiasi altra categoria.Il 2020 si preannuncia come un anno terribile per il mercato automobilistico globale. BloombergNEF prevede, infatti, un calo...

La multiutility scaligera Global Power è partner del primo progetto europeo di riqualificazione energetica social di un centro commerciale, finanziato in equity crowdfunding

COMUNICATO STAMPAL’iniziativa, unica in Italia, parte dal Veneto. A promuoverla, la startup innovativa RE(Y) VENEZIA che punta all’efficientamento dello storico megastore "La Piazza" nel Comune di Venezia. Già raccolti 110 mila euro dei 155 mila che serviranno, come...