Cop27: la conferenza senza risposte

29 Nov 2022Mondo Energia

comunità energetiche

Si è conclusa pochi giorni fa la ventisettesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la famigerata Cop27, tenutasi a Sharm el-Sheikh dal 6 al 20 novembre scorso. Com’è andata? Grande successo o clamoroso fallimento? I pareri di istituzioni, esperti e organizzazioni non governative sono molto discordanti a riguarda, ma cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Sul fronte della giustizia climatica, gli avanzamenti ci sono stati eccome. La decisione di stanziare un fondo (Loss and Damage) con cui indennizzare le nazioni più povere della terra e più a rischio per via dei cambiamenti climatici è un qualcosa di storico, senza precedenti.

Non si può dire altrettanto in tema di mitigazione, ovvero sull’abbattimento delle emissioni di gas ad effetto serra dove non si è registrato alcun tipo di avanzamento.

La Cop27 lascia dunque un sapore agrodolce in bocca: se da una parte, dopo anni e anni di battaglia politica, si è riusciti a soddisfare le richieste delle nazioni più in difficoltà, dall’altra, non si sa ancora se questa promessa rimarrà tale. Funzionerà il nuovo fondo? Chi lo alimenterà? Quali sono le condizioni che ne governano il funzionamento? Chi ne ha diritto?

Immaginiamo che non si arresti poi il trend di crescita della temperatura media globale. Avremo mai a disposizione il denaro necessario per far fronte a tutti i danni che questo continuo aumento comporterà?

Per approfondire il tema e cercare di dar risposta a questi punti interrogativi, abbiamo analizzato i pareri di istituzioni, organizzazioni non governative e esperti del settore pubblicati sul web.

Istituzioni

Per quanto riguarda le istituzioni, la reazione del segretario generale delle Nazioni Unite, Antònio Guterres, ben sintetizza quanto anticipavamo: la Cop27 ha rappresentato sì un grande passo in avanti ma “non basta” anche perché sul fronte delle emissioni di fas “questa Cop non ha dato risposte”.
Più positivo l’analisi pubblicata dal nostro Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto Fratin, secondo cui “l’approvazione finale del pacchetto alla Cop27 rappresenta un passo positivo nelle politiche di contrasto ai cambiamenti climatici. E l’Italia ha fornito un rilevante contributo, partecipando al massimo livello”.

Organizzazioni non governative

Anche le organizzazioni non governative hanno voluto sottolineare la natura ambivalente dei risultati della Cop27. Greenpeace, ad esempio, commenta “lo storico accordo sul fondo per loss and damage è importante, ma ancora non ci sono progressi significativi sull’uscita dei combustibili fossili”.

La nostra Legambiente per sintetizzare l’evento ha utilizzato un gergo calcistico: “Cop27 salvata ai tempi supplementari”. Secondo l’organizzazione italiana l’Europa (Italia compresa) non hanno più scuse: “Occorre accelerare la giusta transizione verso un futuro 100% rinnovabile in linea con l’obiettivo degli 1,5 gradi”.

Decisamente più allarmistica la posizione di Wwf Italia, secondo il quale il fondo per il loss and damage “rischia di diventare un fondo per la fine del mondo se si continueranno a non affrontare i veri nodi della crisi climatica”.

Personaggi di spicco e esperti del clima

Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, ha voluto porre l’attenzione sul mancato accordo vincolante per la riduzione della temperatura media nel mondo di 1,5 gradi. In assenza di tale patto, si mettono in pericolo le infrastrutture vitali da cui dipendiamo.

Naomi Klein, giornalista e attivista canadese, si è concentrata sui diritti umani definendo la Cop27 “un accordo debole sul clima che protegge chi inquina”.

Sulla stessa scia il commernto di Laurence Tubiana “La Cop27 ha provocato profonda frustrazione, ma non è stata inutile. È stato raggiunto un significativo risultato per le nazioni più vulnerabili”.

Cosa succedere ora?

Dei risultati della Cop27 si continuerà a discutere ancora a lungo. I prossimi mesi saranno fondamentali per constatare la veridicità e la consistenza dello stanziamento a fondo perduto Loss & Damage. Nel frattempo le emissioni di anidride carbonica, complice la situazione economica internazionale e la guerra in Ucraina, non sono destinate a diminuire. Diversi paesi sono stati costretti ad aumentare le combustioni di fossili inquinanti piuttosto che stipulare accordi di lunga durata con nuovi fornitori di gas naturale, come l’Italia, che dovranno essere rispettati. Se poi vi aggiungiamo il maggior costo delle materie prime e l’inflazione che sta mettendo a dura prova le economie del vecchio continente, anche gli obiettivi di sostenibilità per la produzione di energia elettrica corrono il rischio di non essere traguardati.

E noi cosa possiamo fare?

Innanzitutto attenzionare il tema della governance del fondo affinché non si tramuti in una discussione senza fine dopodiché, nel nostro piccolo, accelerare il processo di transizione energetica per la mitigazione dei cambiamenti climatici.

Proviamo a dare il buon esempio ai “grandi”, che dalla Cop21 del 2015 hanno fatto poco o nulla.

EPBD 2035: Ristrutturare per un Futuro Sostenibile

Presentiamo la "Direttiva europea sulle case green", parte integrante del Green Deal europeo, che si propone di trasformare gli edifici dell'UE in campioni di efficienza energetica entro il 2035. Questa normativa non solo si impegna a ridurre drasticamente le...

Plant Crossing”: L’Arte di Scambiare Piante e Semi per un Mondo Più Verde

Scopriamo insieme il mondo affascinante del "Plant Crossing", un'innovativa pratica di scambio di piante e semi che unisce appassionati di giardinaggio in una missione comune: arricchire la biodiversità e promuovere uno stile di vita sostenibile. Questo articolo...

She, Green: Il Podcast che Celebra le Donne nel Movimento Ambientalista

Il 20 febbraio ha segnato il lancio di "She, Green", un podcast innovativo prodotto da Chora Media in collaborazione con Il Bo Live, il magazine digitale dell'Università di Padova. Questa serie si dedica all'importante contributo delle donne alla salvaguardia...

Varanto: Rivoluzione Energetica nel Cuore della Finlandia

Il Futuro dello Stoccaggio Termico in Finlandia La Finlandia è all'avanguardia nella gestione sostenibile delle risorse energetiche e sta per accogliere un nuovo gigante nel campo dell'energia rinnovabile: il progetto Varanto. Situato a Vantaa, questo sarà il più...

Forum PA 2024: La Rivoluzione Digitale dei Comuni Italiani

Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo L'Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo, realizzata da FPA per Deda Next e presentata a FORUM PA 2024, offre un'analisi aggiornata dello stato di avanzamento delle principali amministrazioni...

Il Ruolo Cruciale dell’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

L'energy manager, un professionista chiave nell'ambito dell'efficienza energetica, trova il suo ruolo particolarmente strategico nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA). Questa figura, emersa oltre trent'anni fa e consolidatasi nei settori industriali e nelle...

Innovazione o Illusione? Il Dibattito sul Primo Volo Transatlantico con “Carburante Verde”

Un’impresa pionieristica nel campo dell’aviazione si prepara a fare storia: Virgin Galactic prevede di attraversare l’Atlantico con un Boeing 787 alimentato esclusivamente da un mix di olii riciclati e prodotti vegetali. Tuttavia, questa mossa ha sollevato dubbi sulla...

Decreto CER: Un Passo Avanti nella Transizione Energetica

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha annunciato la pubblicazione di un decreto fondamentale per il futuro energetico dell’Italia. Questo provvedimento legislativo mira a stimolare la creazione e l’espansione delle Comunità Energetiche Rinnovabili...

2024: Rincari energetici? La speculazione sui prezzi non c’entra!

E’ bene chiarirlo subito e senza fraintendimenti. Nel 2024, la spesa energetica delle famiglie italiane è destinata a aumentare, ma non per scelta dei fornitori. Nulla a che vedere con le dinamiche del 2022 e le tensioni sui mercati che hanno fatto registrare prezzi...

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...