Cop27: la conferenza senza risposte

29 Nov 2022Mondo Energia

comunità energetiche

Si è conclusa pochi giorni fa la ventisettesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la famigerata Cop27, tenutasi a Sharm el-Sheikh dal 6 al 20 novembre scorso. Com’è andata? Grande successo o clamoroso fallimento? I pareri di istituzioni, esperti e organizzazioni non governative sono molto discordanti a riguarda, ma cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Sul fronte della giustizia climatica, gli avanzamenti ci sono stati eccome. La decisione di stanziare un fondo (Loss and Damage) con cui indennizzare le nazioni più povere della terra e più a rischio per via dei cambiamenti climatici è un qualcosa di storico, senza precedenti.

Non si può dire altrettanto in tema di mitigazione, ovvero sull’abbattimento delle emissioni di gas ad effetto serra dove non si è registrato alcun tipo di avanzamento.

La Cop27 lascia dunque un sapore agrodolce in bocca: se da una parte, dopo anni e anni di battaglia politica, si è riusciti a soddisfare le richieste delle nazioni più in difficoltà, dall’altra, non si sa ancora se questa promessa rimarrà tale. Funzionerà il nuovo fondo? Chi lo alimenterà? Quali sono le condizioni che ne governano il funzionamento? Chi ne ha diritto?

Immaginiamo che non si arresti poi il trend di crescita della temperatura media globale. Avremo mai a disposizione il denaro necessario per far fronte a tutti i danni che questo continuo aumento comporterà?

Per approfondire il tema e cercare di dar risposta a questi punti interrogativi, abbiamo analizzato i pareri di istituzioni, organizzazioni non governative e esperti del settore pubblicati sul web.

Istituzioni

Per quanto riguarda le istituzioni, la reazione del segretario generale delle Nazioni Unite, Antònio Guterres, ben sintetizza quanto anticipavamo: la Cop27 ha rappresentato sì un grande passo in avanti ma “non basta” anche perché sul fronte delle emissioni di fas “questa Cop non ha dato risposte”.
Più positivo l’analisi pubblicata dal nostro Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto Fratin, secondo cui “l’approvazione finale del pacchetto alla Cop27 rappresenta un passo positivo nelle politiche di contrasto ai cambiamenti climatici. E l’Italia ha fornito un rilevante contributo, partecipando al massimo livello”.

Organizzazioni non governative

Anche le organizzazioni non governative hanno voluto sottolineare la natura ambivalente dei risultati della Cop27. Greenpeace, ad esempio, commenta “lo storico accordo sul fondo per loss and damage è importante, ma ancora non ci sono progressi significativi sull’uscita dei combustibili fossili”.

La nostra Legambiente per sintetizzare l’evento ha utilizzato un gergo calcistico: “Cop27 salvata ai tempi supplementari”. Secondo l’organizzazione italiana l’Europa (Italia compresa) non hanno più scuse: “Occorre accelerare la giusta transizione verso un futuro 100% rinnovabile in linea con l’obiettivo degli 1,5 gradi”.

Decisamente più allarmistica la posizione di Wwf Italia, secondo il quale il fondo per il loss and damage “rischia di diventare un fondo per la fine del mondo se si continueranno a non affrontare i veri nodi della crisi climatica”.

Personaggi di spicco e esperti del clima

Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, ha voluto porre l’attenzione sul mancato accordo vincolante per la riduzione della temperatura media nel mondo di 1,5 gradi. In assenza di tale patto, si mettono in pericolo le infrastrutture vitali da cui dipendiamo.

Naomi Klein, giornalista e attivista canadese, si è concentrata sui diritti umani definendo la Cop27 “un accordo debole sul clima che protegge chi inquina”.

Sulla stessa scia il commernto di Laurence Tubiana “La Cop27 ha provocato profonda frustrazione, ma non è stata inutile. È stato raggiunto un significativo risultato per le nazioni più vulnerabili”.

Cosa succedere ora?

Dei risultati della Cop27 si continuerà a discutere ancora a lungo. I prossimi mesi saranno fondamentali per constatare la veridicità e la consistenza dello stanziamento a fondo perduto Loss & Damage. Nel frattempo le emissioni di anidride carbonica, complice la situazione economica internazionale e la guerra in Ucraina, non sono destinate a diminuire. Diversi paesi sono stati costretti ad aumentare le combustioni di fossili inquinanti piuttosto che stipulare accordi di lunga durata con nuovi fornitori di gas naturale, come l’Italia, che dovranno essere rispettati. Se poi vi aggiungiamo il maggior costo delle materie prime e l’inflazione che sta mettendo a dura prova le economie del vecchio continente, anche gli obiettivi di sostenibilità per la produzione di energia elettrica corrono il rischio di non essere traguardati.

E noi cosa possiamo fare?

Innanzitutto attenzionare il tema della governance del fondo affinché non si tramuti in una discussione senza fine dopodiché, nel nostro piccolo, accelerare il processo di transizione energetica per la mitigazione dei cambiamenti climatici.

Proviamo a dare il buon esempio ai “grandi”, che dalla Cop21 del 2015 hanno fatto poco o nulla.

Fotovoltaico in condominio: c’è libertà d’azione

Il singolo condomino può montare pannelli su parti comuni dell’edificio senza dover ottenere l’ok dall’assemblea, a condizione, però, che l’impianto garantisca le condizioni di stabilità e sicurezza per il decoro architettonico del palazzo. La svolta arriva dalla...

Pnrr: 450 milioni per dare il via libera alla Hydrogen Valley

Sul sito del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica è stato pubblicato il decreto, da 450 milioni di euro, che dà il via libera alla costruzione di una valle dell'idrogeno. Questo investimento del Pnrr sostiene la produzione di idrogeno verde in aree...

Terna: il consumo di elettricità in Italia sarà di 316,8 TWh nel 2022

Domanda nazionale inferiore dell'1% rispetto al 2021, rinnovabili al 31% della domanda; la tendenza che ha caratterizzato gli ultimi mesi è proseguita a dicembre: -9,1% per tutti i consumi e -15% per gli usi industriali. Secondo i dati di Terna, che gestisce la rete...

C.E.R. – decreto di prossima emanazione

“Finalmente ci siamo. Il decreto attuativo delle Comunità Energetiche Rinnovabili è quasi pronto e sarà pubblicato nelle prossime settimane". Lo ha annunciato Vania Gava, Vice Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, in occasione del Forum dei consumatori...

Terna: Tyrrhenian link, il più grande progetto industriale italiano degli ultimi decenni

Il Tyrrhenian link è il progetto (targato TERNA) di trasmissione di energia sottomarina più importante al mondo totalmente Made in Italy. TERNA, guidata dall'amministratore delegato Stefano Donnarumma, investirà complessivamente 3,7 miliardi di euro (di cui 1,9...

Tetto al prezzo del gas, c’è l’accordo.

Quello del price cap è stato il tema più dibattuto negli ultimi mesi per l’avvento della crisi energetica. Ebbene l’Unione Europea, dopo mesi di discussione, con la quasi totalità dei membri, ha trovato la quadra politica. Lo ha fatto lunedì 19 dicembre, nel vertice...

Assemblea Anci 2022 – sintesi degli interventi di Ministri e Sottosegretari

Dal 22 al 24 novembre si è svolta l'Assemblea Annuale ANCI con un focus particolare sull'ideazione, la crescita e lo sviluppo di ambiziosi progetti e soluzioni che accrescano l’efficienza dei Comuni e il benessere dei cittadini. Riportiamo, in sintesi, gli interventi...

Comunità energetiche all’ultima curva

“Il decreto è pronto” La regolamentazione delle Comunità energetiche sta finalmente iniziando ad assumere lineamenti sempre più definiti. Un traguardo atteso da mesi che ora sembra davvero “a portata di mano”. Lo conferma lo stesso ministro dell’Ambiente e della...

Aiuti ter: il decreto che restituisce speranza

È del 17 novembre la notizia relativa la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto Aiuti ter, il n. 144 del 2022, di cui potete trovare, a fondo pagina, il link che porta al testo coordinato. Il decreto contiene le misure approvate...

Intervento del Presidente Luca De Rosa su Radio Adige Tv

L'indagine dell'Autorità sulle compagnie di vendita di energia fa emergere nuovamente il grande problema dei costi energetici che si riflettono non solo sui consumatori, ma in primis sulle stesse imprese di vendita. Il tema dei costi di approvvigionamento e...