Conferenza sul clima: COP25 a Madrid dal 2 al 13 dicembre

5 Dic 2019 | Sostenibilità

I cambiamenti climatici al centro di COP25, il vertice sul clima organizzato dalle Nazioni Unite, che si tiene proprio in questi giorni a Madrid, durante il quale 196 tra Capi di Stato e delegazioni affrontano alcune tematiche di interesse mondiale, come la riduzione delle emissioni di gas serra e le misure messe in atto nella lotta al climate change previste dall’Accordo di Parigi del 2015.
Il vertice ha l’obiettivo di definire politicamente i prossimi passi per fronteggiare l’emergenza climatica continuando il lavoro cominciato alla COP24 di Katowice, in Polonia.

Esperti e analisti hanno lanciato un allarme che non fa sconti alla terra, lo stesso António Guterres, segretario generale dell’ONU, afferma che “ci stiamo avvicinando a un punto di non ritorno e il mondo deve scegliere tra speranza o capitolazione”.

Gli ultimi dati pubblicati dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) mostrano che i livelli di gas serra nell’atmosfera hanno raggiunto un nuovo record e i livelli globali medi di anidride carbonica hanno raggiunto 407,8 parti per milione nel 2018. L’ultima volta che si è verificata una concentrazione di CO2 comparabile è stata tra 3 e 5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di circa 3° più calda e il livello dei mari era da 10 a 20 metri più alto di oggi.

I segnali, quindi, sono inattaccabili. Negli ultimi cinque anni le temperature sono state le più calde mai registrate e le conseguenze sono già percepibili sotto forma di eventi meteo catastrofici, scioglimento dei ghiacci artici e antartici e scongelamento del permafrost.
Per mantenere i cambiamenti climatici entro limiti gestibili, i Paesi dovrebbero limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi, raggiungere la Carbon Neutrality entro il 2050 e ridurre le emissioni di CO2 del 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030.
A livello politico e sociale, per adottare ogni strategia possibile nella lotta, o almeno nel rallentamento del cambiamento climatico, è necessario non solo fare progressi sulla carbon tax, ma anche assicurare una transizione controllata e sostenibile verso la green economy, tutelando i lavoratori provenienti dal carbone, promuovendo l’educazione e le reti sociali di sicurezza.

L’importanza della questione ambientale è sottolineata dalle mobilitazioni di massa dei “Fridays for Future”, voce mediatica e pop di un movimento mondiale che trova sempre più sostenitori impegnati nella sensibilizzazione globale di una cittadinanza che, mai come oggi, deve diventare attiva, consapevole e sostenibile.

Nei prossimi 12 mesi l’impegno delle nazioni coinvolte dovrà essere più ambizioso e si dovranno accelerare le tempistiche per le riforme green.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Klima Home – Nella casa sostenibile c’è l’impronta di GPS

La nostra consociata Global Power Service E.S.Co., in collaborazione con il partner EZA Srl, si occuperà della realizzazione dell’impianto fotovoltaico per il progetto Klima Home che sta vedendo la luce a Villafranca di Verona.Klima Home è un edificio residenziale ed...

Video: Il Giorno del Debito Ecologico

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su Leggi le altre News Virtuose

Fotovoltaico: una realtà in crescita

La popolarità dell’energia solare cresce sempre di più anche in Italia. Negli ultimi anni, l’installazione di impianti fotovoltaici ad uso industriale e privato ha subito un forte incremento, indice che rende palese la grande attenzione del nostro Paese alle tematiche...

La Green Economy in Italia

La Green Economy è un modello teorico di sviluppo economico che valuta l’impatto ambientale di ogni processo industriale generato dall’essere umano attraverso il ciclo di trasformazione delle materie prime, studiando e integrando i finanziamenti pubblici e le...

Unione Europea: investimenti sull’idrogeno per favorire la decarbonizzazione

La Commissione riunita a Bruxelles ha stilato una strategia in tre step per favorire il mercato dell’idrogeno “pulito”, facendolo diventare parte integrante del mix energetico europeo. Ad oggi la capacità installata è di circa 1 Gigawatt e il 90% dell’idrogeno è...

WE(Y) DOLCE ER: efficientamento energetico in crowdfunding

Dopo la partecipazione a RE(Y) VENEZIA, il primo intervento in Europa di riqualificazione energetica di un centro commerciale finanziato in crowdfunding, la E.S.Co. del nostro Gruppo, Gobal Power Service, ha investito nella startup WE(Y) DOLCE ER, nata dalla joint...

Superbonus del 110%: ecco le condizioni

In sintesi vi illustriamo le condizioni e i limiti di accesso alle detrazioni fiscali del Decreto Rilancio 2020, convertito in legge il 16 Luglio 2020, riguardanti il Superbonus del 110% per interventi di efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e...

Nasce “Close the Glass Loop”: piattaforma europea del vetro

"Close the Glass Loop" è una piattaforma industriale, creata da FEVE, nata per per incrementare il tasso di raccolta per il riciclo del vetro e per stabilire un programma di gestione dei materiali su scala europea.L’obiettivo dichiarato è quello di aumentare la...

Video: Green Economy Heroes

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su Leggi le altre News Virtuose

Green City Network: la rigenerazione urbana come stimolo all’economia

Il Green City Network o “Carta della rigenerazione urbana delle green city”, è la nuova chiave del Green Deal in Italia. Il progetto finanziato vede coinvolte 72 città e 63 esperti che punteranno sulla rigenerazione urbana, a partire dalla qualità ambientale dei...