Conferenza sul clima: COP25 a Madrid dal 2 al 13 dicembre

5 Dic 2019Sostenibilità

I cambiamenti climatici al centro di COP25, il vertice sul clima organizzato dalle Nazioni Unite, che si tiene proprio in questi giorni a Madrid, durante il quale 196 tra Capi di Stato e delegazioni affrontano alcune tematiche di interesse mondiale, come la riduzione delle emissioni di gas serra e le misure messe in atto nella lotta al climate change previste dall’Accordo di Parigi del 2015.
Il vertice ha l’obiettivo di definire politicamente i prossimi passi per fronteggiare l’emergenza climatica continuando il lavoro cominciato alla COP24 di Katowice, in Polonia.

Esperti e analisti hanno lanciato un allarme che non fa sconti alla terra, lo stesso António Guterres, segretario generale dell’ONU, afferma che “ci stiamo avvicinando a un punto di non ritorno e il mondo deve scegliere tra speranza o capitolazione”.

Gli ultimi dati pubblicati dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) mostrano che i livelli di gas serra nell’atmosfera hanno raggiunto un nuovo record e i livelli globali medi di anidride carbonica hanno raggiunto 407,8 parti per milione nel 2018. L’ultima volta che si è verificata una concentrazione di CO2 comparabile è stata tra 3 e 5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di circa 3° più calda e il livello dei mari era da 10 a 20 metri più alto di oggi.

I segnali, quindi, sono inattaccabili. Negli ultimi cinque anni le temperature sono state le più calde mai registrate e le conseguenze sono già percepibili sotto forma di eventi meteo catastrofici, scioglimento dei ghiacci artici e antartici e scongelamento del permafrost.
Per mantenere i cambiamenti climatici entro limiti gestibili, i Paesi dovrebbero limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi, raggiungere la Carbon Neutrality entro il 2050 e ridurre le emissioni di CO2 del 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030.
A livello politico e sociale, per adottare ogni strategia possibile nella lotta, o almeno nel rallentamento del cambiamento climatico, è necessario non solo fare progressi sulla carbon tax, ma anche assicurare una transizione controllata e sostenibile verso la green economy, tutelando i lavoratori provenienti dal carbone, promuovendo l’educazione e le reti sociali di sicurezza.

L’importanza della questione ambientale è sottolineata dalle mobilitazioni di massa dei “Fridays for Future”, voce mediatica e pop di un movimento mondiale che trova sempre più sostenitori impegnati nella sensibilizzazione globale di una cittadinanza che, mai come oggi, deve diventare attiva, consapevole e sostenibile.

Nei prossimi 12 mesi l’impegno delle nazioni coinvolte dovrà essere più ambizioso e si dovranno accelerare le tempistiche per le riforme green.

Ti è piaciuto questo articolo? condividilo su

Leggi le altre News Virtuose

Comunità Energetiche e Comuni

Il 26 dicembre entra in vigore il decreto legislativo che attua la direttiva europea 2019/944 sulle norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica. Questo rende possibile in Italia la realizzazione di progetti di comunità energetiche per produrre energia...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

In Italia l’aria irrespirabile arriva la condanna dalla parte dell’EU

In Italia l’aria è troppo inquinata. Nelle grandi città come Torino, Milano, Firenze, Roma e Genova hanno rivelato un alto livello di quantità di biossido d’azoto in atmosfera. Questo elemento è inquinante e nocivo per la salute dell’uomo. Ed è proprio per non aver...

BONUS 110%: a Verona 5 condomini si rifanno il look con noi!

Sono ben oltre 70 i condomini nella pipeline di Global Power S.p.A. (General Contractor) e Global Power Service E.S.Co. (Energy Service Company) che, grazie all’Ecobonus 110%, potranno garantirsi il salto di due classi energetiche e migliorare le proprie performance...

PNRR: energia, al via i progetti delle isole italiane

Le isole italiane diventano più sostenibili: sono 140 i progetti di sviluppo sostenibile presentati dai 13 Comuni in risposta al bando PNRR “Isole Verdi”.Lo rende noto il Ministero della Transizione ecologica ricordando che gli interventi, per un valore complessivo...

Rinnovabili: un passo indietro per guardare avanti

Reperimento di Gas in giro per il mondo, nuovi rigassificatori, riapertura delle centrali a carbone: la strada tracciata dal governo Draghi per uscire dalla dipendenza del gas russo è fossile. Un paradosso? Il tempo sentenzierà…Nel frattempo, con gli ultimi due...

De Rosa: ”Ridurre la dipendenza con i rigassificatori, le rinnovabili e normative più snelle”

“Non c’è alcun motivo logico e razionale per cui il costo dell’energia debba crescere in modo così sproporzionato: i russi non hanno chiuso le forniture, anzi, ci si finanziano la guerra all’Ucraina. L’aumento è legato sia alla speculazione che al timore di ciò che...

Tra energia e digitalizzazione: come cambiano le nostre Cantine

Vinitaly 2022, Il confronto tra l’Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power S.p.A e l’Amm. Unico di Global Power Plus e Francesco Masini, responsabile marketing e comunicazione di Vecomp, moderato da Luca Mantovani, Capodirettore di L’Arena. Sostenibilità,...

GPS sponsor di IBIMI – buildingSMART Italy

Il 19 maggio la nostra consociata Global Power Service E.S.Co. sarà presente in veste di sponsor alla 5° Edizione della Conferenza Nazionale IBIMI – buildingSMART Italy, patrocinata dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma, a conferma del crescente interesse delle...

GP+ e GPS partner per la transizione energetica

Global Power Plus e la consociata Global Power Service E.S.Co. supportano privati e aziende nella transizione energetica, promuovendo, tra gli altri servizi, l’installazione di sistemi fotovoltaici. Negli ultimi anni è cresciuto il numero di imprese e cittadini che...