Comunità energetiche all’ultima curva

29 Nov 2022Mondo Energia

comunità energetiche

“Il decreto è pronto”

La regolamentazione delle Comunità energetiche sta finalmente iniziando ad assumere lineamenti sempre più definiti. Un traguardo atteso da mesi che ora sembra davvero “a portata di mano”. Lo conferma lo stesso ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica a seguito dell’ennesima sollecitazione da parte di sindaci e ong: “il Decreto è pronto”.

Si tratta del decreto attuativo che fornirà un quadro normativo definitivo e completo sulle Cer, un provvedimento che sembra dare un po’ di speranza a tutte le parti interessate, dai Comuni agli operatori del mercato energetico.

Nei giorni scorsi, la viceministra Vannia Gava, incontrando una delegazione di manifestanti sotto la sede del ministero, ha specificato come questo provvedimento “consentirà di realizzare fino a 1Mw di comunità energetiche con un incentivo per i Comuni pari a 2,2 miliardi di euro provenienti da fondi Pnrr”.

Cosa sono le comunità energetiche?

Nel caso non lo sapessi, le comunità energetiche sono aggregazioni di singoli cittadini, pmi, amministrazioni locali, enti di ricerca e religiosi che producono, consumano e si scambiano energia da fonti rinnovabili. Unendosi ad una comunità energetica i principali vantaggi sono di due tipologie:

  • Ambientali perché si riducono drasticamente le emissioni gas serra e si favorisce il processo di transizione energetica;
  • Economici perché si ottiene agevolazioni statali e incentivi per l’elettricità che viene condivisa.

Per il ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, la regolamentazione delle Cer ha la massima priorità.

L’inizio delle consultazioni

Come preannunciato la scorsa settimana a Bergamo, in occasione della XXXIX Assemblea nazionale dell’Anci, dal ministro dell’Ambiente e Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto, lunedì 28 novembre hanno avuto inizio le tanto attese consultazioni.

“Si è chiuso – commenta il ministro – un percorso procedurale sulle comunità energetiche, che nel Pnrr hanno uno stanziamento di 2.2 miliardi: da lunedì prossimo parte una consultazione di quindici giorni, dopodiché chiudiamo il provvedimento con le osservazioni che verranno raccolte. Questo riguarda tutte le realtà e i Comuni sotto i cinque mila abitanti e le organizzazioni anche di tipo informale che si struttureranno su questo fronte”.

Pichetto, durante il suo intervento, ha inoltre sottolineato la necessità di alzare il livello di produzione delle rinnovabili (riferendosi a geotermico, idroelettrico, fotovoltaico, eolico), menzionando la fusione come obiettivo finale sul nucleare. In corrispondenza della crescita delle fonti di energia pulita, e qui viene il difficile, “devono azzerarsi carbone e petrolio e la parte di gas che scende abbracciando le rinnovabili. La sfida è nella costruzione delle infrastrutture”.

Troppo ottimismo?

A riportare tutti con i piedi per terra ci ha pensato Legambiente ricordando come l’iter burocratico sia il principale ostacolo nello sviluppo di questo importante progetto per il nostro Paese.
“Su 100 comunità energetiche mappate fino a giugno 2022, appena 16 sono riuscite a completare l’iter di attivazione presso il Gse (Gestore dei servizi energetici) e di queste soltanto 3 hanno ricevuto i primi incentivi statali”.

Secondo l’organizzazione non governativa italiana, Arera (l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente) e il Gse starebbero tenendo “sotto scacco” le comunità energetiche per “ritardi burocratici e mancanza di regole attuative, nonostante questa siano una soluzione concreta per contrastare il caro bollette, l’emergenza climatica e la povertà energetica”.

Anche Italia Solare, si allinea alla richiesta di Legambiente di emanare quanto prima i decreti attuativi necessari “a consentire un reale e significativo sviluppo delle Cer, cje rappresentano uno degli strumenti per aiutare famiglie e imprese a contenere i costi delle bollette elettriche rapidamente e in modo tangibile”.

Che tempi ci dobbiamo aspettare?

Innanzitutto l’Arera dovrà definire, secondo le attese, la riduzione di oneri di sistema e tariffe agevolate. Il ministro Picchetto, dal canto suo, dovrà coordinarsi con altri soggetti istituzionali per assicurare la migliore attuazione delle misure incentivanti.

Ci vorrà ancora un po’ di pazienza ma ora, possiamo dirlo con qualche certezza in più, è questione di poco tempo.

Fotovoltaico in condominio: c’è libertà d’azione

Il singolo condomino può montare pannelli su parti comuni dell’edificio senza dover ottenere l’ok dall’assemblea, a condizione, però, che l’impianto garantisca le condizioni di stabilità e sicurezza per il decoro architettonico del palazzo. La svolta arriva dalla...

Pnrr: 450 milioni per dare il via libera alla Hydrogen Valley

Sul sito del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica è stato pubblicato il decreto, da 450 milioni di euro, che dà il via libera alla costruzione di una valle dell'idrogeno. Questo investimento del Pnrr sostiene la produzione di idrogeno verde in aree...

Terna: il consumo di elettricità in Italia sarà di 316,8 TWh nel 2022

Domanda nazionale inferiore dell'1% rispetto al 2021, rinnovabili al 31% della domanda; la tendenza che ha caratterizzato gli ultimi mesi è proseguita a dicembre: -9,1% per tutti i consumi e -15% per gli usi industriali. Secondo i dati di Terna, che gestisce la rete...

C.E.R. – decreto di prossima emanazione

“Finalmente ci siamo. Il decreto attuativo delle Comunità Energetiche Rinnovabili è quasi pronto e sarà pubblicato nelle prossime settimane". Lo ha annunciato Vania Gava, Vice Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, in occasione del Forum dei consumatori...

Terna: Tyrrhenian link, il più grande progetto industriale italiano degli ultimi decenni

Il Tyrrhenian link è il progetto (targato TERNA) di trasmissione di energia sottomarina più importante al mondo totalmente Made in Italy. TERNA, guidata dall'amministratore delegato Stefano Donnarumma, investirà complessivamente 3,7 miliardi di euro (di cui 1,9...

Tetto al prezzo del gas, c’è l’accordo.

Quello del price cap è stato il tema più dibattuto negli ultimi mesi per l’avvento della crisi energetica. Ebbene l’Unione Europea, dopo mesi di discussione, con la quasi totalità dei membri, ha trovato la quadra politica. Lo ha fatto lunedì 19 dicembre, nel vertice...

Assemblea Anci 2022 – sintesi degli interventi di Ministri e Sottosegretari

Dal 22 al 24 novembre si è svolta l'Assemblea Annuale ANCI con un focus particolare sull'ideazione, la crescita e lo sviluppo di ambiziosi progetti e soluzioni che accrescano l’efficienza dei Comuni e il benessere dei cittadini. Riportiamo, in sintesi, gli interventi...

Cop27: la conferenza senza risposte

Si è conclusa pochi giorni fa la ventisettesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la famigerata Cop27, tenutasi a Sharm el-Sheikh dal 6 al 20 novembre scorso. Com’è andata? Grande successo o clamoroso fallimento? I pareri di istituzioni, esperti e...

Aiuti ter: il decreto che restituisce speranza

È del 17 novembre la notizia relativa la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto Aiuti ter, il n. 144 del 2022, di cui potete trovare, a fondo pagina, il link che porta al testo coordinato. Il decreto contiene le misure approvate...

Intervento del Presidente Luca De Rosa su Radio Adige Tv

L'indagine dell'Autorità sulle compagnie di vendita di energia fa emergere nuovamente il grande problema dei costi energetici che si riflettono non solo sui consumatori, ma in primis sulle stesse imprese di vendita. Il tema dei costi di approvvigionamento e...