Terna: il consumo di elettricità in Italia sarà di 316,8 TWh nel 2022

2 Feb 2023Mondo Energia

comunità energetiche

Domanda nazionale inferiore dell’1% rispetto al 2021, rinnovabili al 31% della domanda; la tendenza che ha caratterizzato gli ultimi mesi è proseguita a dicembre: -9,1% per tutti i consumi e -15% per gli usi industriali.

Secondo i dati di Terna, che gestisce la rete elettrica nazionale, il fabbisogno italiano di energia elettrica nel 2022 sarà di 316,8 miliardi di kWh, l’1% in meno rispetto al 2021. Le fonti energetiche rinnovabili hanno rappresentato il 31,1% della domanda totale, con un calo particolarmente marcato dell’energia idroelettrica; anche l’indice IMCEI è diminuito; e l’indice IMCEI per il settore energetico è diminuito dell’1,5% nel 2022, rispetto al 2021. I consumi industriali delle aziende cosiddette “energivore” sono diminuiti del 5,4% rispetto al 2021.

La progressiva contrazione della domanda di energia elettrica registrata nel 2022 è il risultato di un processo a “due velocità”, positivo nella prima metà dell’anno e negativo a partire dal mese di agosto, dovuto a una serie di fattori accessori, come le misure di riduzione dei consumi di energia elettrica messe in atto da cittadini e imprese su indicazione del governo, i prezzi elevati caratteristici del mercato dell’energia e le temperature relativamente miti dei mesi autunnali e invernali. Sul fronte della produzione, il calo della generazione idroelettrica (-37,7%) dovuto alla prolungata siccità è stato in parte compensato dall’aumento della produzione di energia termica (+6,1%), in particolare di quella a carbone a seguito delle misure adottate dal governo contro la crisi del gas. In questo contesto, il saldo con l’estero è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2021, con forti fluttuazioni nel corso dell’anno dovute alle variazioni dei prezzi sul mercato dell’energia.

Nel dicembre 2022 Terna, insieme al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ha lanciato “Noi siamo Energia”, una campagna di sensibilizzazione per un uso consapevole e favorevole dell’energia elettrica in Italia per promuovere comportamenti di consumo efficienti. La campagna ha individuato una serie di azioni in grado di contenere consumi e costi in termini di sostenibilità, risparmio economico ed efficienza energetica, a vantaggio di tutti. Anche l’app del sistema elettrico, disponibile su tutti i dispositivi, è stata aggiornata con nuove funzionalità. L’app (Ecologia) permette a ogni cittadino di individuare facilmente le ore di punta giornaliere (dal lunedì al venerdì) in cui è auspicabile ridurre i consumi energetici, consentendo di fare scelte consapevoli per gestire il proprio fabbisogno e al contempo contribuire a tagliare il costo complessivo del sistema elettrico italiano.

L’analisi dei dati relativi al 2022 mostra che la domanda di elettricità per regione è diminuita al nord (-1,5%) ed è rimasta quasi invariato rispetto all’anno precedente nelle regioni centrali, meridionali e nelle isole (rispettivamente -0,3% e -0,2%). La domanda di energia elettrica dell’Italia è soddisfatta per l’86,4% dalla produzione nazionale e per il resto (13,6%) dagli scambi di energia con l’estero.

Entrando nello specifico, l’analisi riferita al mese di dicembre 2022, mostra una domanda totale di elettricità di 25 miliardi di kWh, inferiore del 9,1% rispetto a dicembre 2021, dovuta alla diminuzione dei giorni di prelievo (20 contro 22) e ad una temperatura media mensile superiore di 2°C. Il valore della domanda mensile di elettricità destagionalizzato, che tiene conto degli effetti della temperatura e del calendario, è diminuito in generale del 6,5%. Per regione, il tasso di variazione a dicembre 2022 è negativo ovunque: -8,3% al nord, -9,4% al centro e -10,5% al sud e nelle isole; a dicembre 2022, l’89,4% della domanda è soddisfatta dalla produzione interna e il saldo (10,6%) dallo scambio di energia con l’estero. Le energie rinnovabili hanno coperto il 26,9% della domanda mensile. La produzione nazionale netta (22,5 miliardi di kWh) è diminuita dell’11,9% rispetto a dicembre 2021, ripartita per fonte: eolica (-39,4%), idroelettrica (-18,6%), solare (-17,2%), termoelettrica (-6,1%) e geotermica (-1,9%). Per quanto riguarda il saldo import-export, l’aumento delle esportazioni (+9,6%) e delle importazioni (+15,5%) ha determinato un incremento del 17,1%. L’indice IMCEI dei consumi industriali a dicembre 2022 ha registrato una diminuzione del 15% rispetto a dicembre 2021, in particolare per i settori siderurgia e metalmeccanica. I prodotti alimentari, la ceramica e il vetro hanno registrato un andamento positivo, mentre i prodotti chimici sono rimasti invariati. A livello congiunturale la domanda di energia, destagionalizzata per gli effetti del calendario, a dicembre 2022 è stata inferiore del 6,4% rispetto al mese precedente di novembre.

L’app Terna, che fornisce informazioni in tempo reale sullo stato operativo del sistema elettrico nazionale, è visibile ai seguenti link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=it.terna.energia&hl=it
https://apps.apple.com/it/app/terna/id1458535498

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...

Semaforo giallo sulla fine del mercato tutelato. L’Europa ci guarda.

L'ARERA (Autorità di Regolamentazione per l'Energia, Reti e l'Ambiente), operando in conformità alle disposizioni del recente decreto energia (181/23), ha deliberato il rinvio della scadenza di chiusura del Mercato Tutelato dell'elettricità per i clienti domestici non...

Industria 5.0: Il Ritorno dell’Umanità nel Cuore dell’Automazione

L'avvento dell'Industria 4.0 ha segnato una svolta radicale nella produzione manifatturiera, introducendo l'automazione intelligente e l'interconnessione tra macchine, sistemi e persone. Oggi, mentre ci avviciniamo all'orizzonte dell'Industria 5.0, assistiamo a un...

Da “Phase Out” a “Transitioning away”… Nella COP28 il compromesso sul fossile è un gioco di parole

Il 13 dicembre la presidenza della COP28 a Dubai ha annunciato l’approvazione dell’accordo sui nuovi impegni internazionali per affrontare il cambiamento climatico. Una decisione definitiva e all’unanimità che, tuttavia, ha lasciato aperti ancora molti interrogativi...

CityTree, la parete verde che combatte l’inquinamento assorbendo CO2

In un mondo sempre più preoccupato per l’inquinamento atmosferico, una soluzione innovativa si è affermata nelle città europee per migliorare la qualità dell’aria: i pannelli CityTree, conosciuti come “mangia-smog”, hanno dimostrato di essere altamente efficaci...

Incentivi alle Comunità Energetiche Rinnovabili: Approvazione da Parte di Bruxelles

La Commissione europea ha recentemente approvato il decreto italiano volto a incentivare la diffusione dell’autoconsumo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Questo significativo passo è stato accolto con grande soddisfazione dal Ministro dell’Ambiente e della...

Inquinamento del Suolo: Origini e Sostanze Nocive Principali

Negli ultimi decenni, c'è stata una crescente consapevolezza dell'importanza di proteggere l'ambiente e di prendere misure per prevenire l'inquinamento. Questo ha portato alcuni paesi a introdurre regolamenti più rigorosi sulle produzioni e lo smaltimento dei rifiuti....

Sostenibilità e PA: facciamo il punto

Le imprese sono sempre più attente ai temi ambientali e sociali, ma per le Pubbliche Amministrazioni questi non sembrano essere una priorità. Analizzare l’operato delle Istituzioni Pubbliche preposte all’attuazione delle direttive e delle funzioni amministrative è...

L’Albero Liquido

In un’epoca segnata da crescenti preoccupazioni ambientali, come il cambiamento climatico, la deforestazione e l’inquinamento atmosferico, è diventato fondamentale ricordare l’importanza degli alberi nella nostra vita. Gli alberi, infatti, svolgono un ruolo cruciale...

Fine del Mercato Tutelato da Gennaio 2024

10 gennaio 2024. A meno di una proroga, l’avvicinarsi di questa data rappresenta un addio al mercato tutelato del gas e dell’energia elettrica per i clienti domestici non vulnerabili che non avranno effettuato una scelta di fornitore entro la scadenza del servizio,...