Buco dell’ozono: chiuso entro il 2040

3 Mar 2023Sostenibilità

comunità energetiche

Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che lo strato di ozono si rigenererà nelle regioni polari in pochi anni.

L’assottigliamento dello strato di ozono, un tempo molto temuto dagli scienziati, dovrebbe cessare completamente nella maggior parte del mondo entro 20 anni, grazie all’azione decisiva di molti governi per eliminare gradualmente le sostanze che lo intaccano.

Si tratta di una chiara dichiarazione dell’ONU, scrive il Guardian. La scomparsa dello strato di ozono, che ha esposto le persone al rischio delle radiazioni ultraviolette nocive, dovrebbe essere completamente risolta entro il 2040 in molte parti del mondo, entro il 2045 nell’Artico ed entro il 2066 nell’Antartico.

Dopo gli allarmi lanciati negli anni ’80, lo strato di ozono è costantemente migliorato grazie all’eliminazione del 99% delle sostanze chimiche che lo erodono, come i solventi e i refrigeranti, grazie a un accordo internazionale: il Protocollo di Montreal del 1989.

“L’azione sull’ozono costituisce un precedente per l’azione per il clima”, ha dichiarato Petteri Taalas, Direttore Generale dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), che ha recentemente pubblicato il rapporto sui progressi compiuti, redatto ogni quattro anni. “Il nostro successo nell’eliminare gradualmente le sostanze chimiche che consumano ozono ci mostra cosa si può e si deve fare con urgenza per abbandonare i combustibili fossili, ridurre i gas serra e quindi limitare l’aumento della temperatura”.

Una risposta globale unificata alla gestione dei CFC significa che l’Accordo di Montreal deve essere preso in considerazione come “il trattato ambientale di maggior successo nella storia e offre incoraggiamento affinché i Paesi del mondo possano riunirsi e decidere un risultato e agire di conseguenza”. I progressi non sono sempre stati immediati e nel 2018 gli scienziati hanno rilevato un aumento dell’uso di CFC, ricondotto alla Cina e infine risolto. Nel frattempo, la sostituzione dei CFC con un altro gruppo di sostanze chimiche industriali, gli idrofluorocarburi (HFC), si è rivelata problematica, in quanto gli HFC sono gas a effetto serra, ed è stato necessario un ulteriore accordo internazionale per ridurne l’uso, che è stato concordato a Kigali.

Fonte: https://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/clima/2023/01/09/il-buco-dellozono-si-chiudera-nel-2040_50d18e0a-4f7e-46a4-beb7-a352515b43ca.html

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...

Semaforo giallo sulla fine del mercato tutelato. L’Europa ci guarda.

L'ARERA (Autorità di Regolamentazione per l'Energia, Reti e l'Ambiente), operando in conformità alle disposizioni del recente decreto energia (181/23), ha deliberato il rinvio della scadenza di chiusura del Mercato Tutelato dell'elettricità per i clienti domestici non...

Industria 5.0: Il Ritorno dell’Umanità nel Cuore dell’Automazione

L'avvento dell'Industria 4.0 ha segnato una svolta radicale nella produzione manifatturiera, introducendo l'automazione intelligente e l'interconnessione tra macchine, sistemi e persone. Oggi, mentre ci avviciniamo all'orizzonte dell'Industria 5.0, assistiamo a un...

Da “Phase Out” a “Transitioning away”… Nella COP28 il compromesso sul fossile è un gioco di parole

Il 13 dicembre la presidenza della COP28 a Dubai ha annunciato l’approvazione dell’accordo sui nuovi impegni internazionali per affrontare il cambiamento climatico. Una decisione definitiva e all’unanimità che, tuttavia, ha lasciato aperti ancora molti interrogativi...

CityTree, la parete verde che combatte l’inquinamento assorbendo CO2

In un mondo sempre più preoccupato per l’inquinamento atmosferico, una soluzione innovativa si è affermata nelle città europee per migliorare la qualità dell’aria: i pannelli CityTree, conosciuti come “mangia-smog”, hanno dimostrato di essere altamente efficaci...

Incentivi alle Comunità Energetiche Rinnovabili: Approvazione da Parte di Bruxelles

La Commissione europea ha recentemente approvato il decreto italiano volto a incentivare la diffusione dell’autoconsumo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Questo significativo passo è stato accolto con grande soddisfazione dal Ministro dell’Ambiente e della...

Inquinamento del Suolo: Origini e Sostanze Nocive Principali

Negli ultimi decenni, c'è stata una crescente consapevolezza dell'importanza di proteggere l'ambiente e di prendere misure per prevenire l'inquinamento. Questo ha portato alcuni paesi a introdurre regolamenti più rigorosi sulle produzioni e lo smaltimento dei rifiuti....

Sostenibilità e PA: facciamo il punto

Le imprese sono sempre più attente ai temi ambientali e sociali, ma per le Pubbliche Amministrazioni questi non sembrano essere una priorità. Analizzare l’operato delle Istituzioni Pubbliche preposte all’attuazione delle direttive e delle funzioni amministrative è...

L’Albero Liquido

In un’epoca segnata da crescenti preoccupazioni ambientali, come il cambiamento climatico, la deforestazione e l’inquinamento atmosferico, è diventato fondamentale ricordare l’importanza degli alberi nella nostra vita. Gli alberi, infatti, svolgono un ruolo cruciale...

Fine del Mercato Tutelato da Gennaio 2024

10 gennaio 2024. A meno di una proroga, l’avvicinarsi di questa data rappresenta un addio al mercato tutelato del gas e dell’energia elettrica per i clienti domestici non vulnerabili che non avranno effettuato una scelta di fornitore entro la scadenza del servizio,...