Incentivi alle Comunità Energetiche Rinnovabili: Approvazione da Parte di Bruxelles

8 Gen 2024Sostenibilità

comunità energetiche

La Commissione europea ha recentemente approvato il decreto italiano volto a incentivare la diffusione dell’autoconsumo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Questo significativo passo è stato accolto con grande soddisfazione dal Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto, che lo ha definito una svolta storica nel rapporto tra i cittadini e l’energia.

Il Ministro Pichetto ha commentato: “Oggi assistiamo a una vera e propria rivoluzione nel modo in cui le comunità interagiscono con l’energia. Grazie a questo decreto, le Comunità Energetiche Rinnovabili potranno diffondersi ampiamente in tutto il Paese, promuovendo l’uso delle fonti rinnovabili e mettendo il territorio al centro del futuro energetico nazionale.”

L’innovativo approccio delle Comunità Energetiche Rinnovabili consentirà a ogni cittadino di contribuire alla produzione di energia rinnovabile e beneficiare economicamente dell’autoconsumo, anche se non dispone direttamente degli spazi necessari per installare gli impianti a fonti energetiche rinnovabili (FER).

Il Ministro ha sottolineato ulteriormente l’unicità del provvedimento italiano, il quale ha richiamato l’attenzione della Commissione Europea e ricevuto il pieno supporto. Questo approccio pionieristico dell’Italia si prefigura come un modello per altre esperienze simili in Europa, aprendo la strada a nuove iniziative nel continente.

Il decreto italiano si basa su due principali misure: una tariffa incentivante per l’energia rinnovabile prodotta e condivisa e un contributo a fondo perduto. La capacità finanziabile è fissata a cinque gigawatt complessivi, con una scadenza al termine del 2027.

Inoltre, per le Comunità Energetiche Rinnovabili situate nei comuni con meno di 5.000 abitanti, è previsto un contributo a fondo perduto che coprirà fino al 40% dei costi ammissibili relativi agli investimenti per la realizzazione o l’ampliamento degli impianti esistenti. Questa misura è finanziata con 2,2 miliardi di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), con l’obiettivo di raggiungere una capacità totale di almeno 2 gigawatt. Il contributo a fondo perduto potrà essere cumulato con la tariffa incentivante, ma con limiti ben definiti.

I benefici previsti da questa iniziativa riguardano tutte le tecnologie rinnovabili, tra cui il fotovoltaico, l’eolico, l’idroelettrico e le biomasse. Le Comunità Energetiche Rinnovabili possono coinvolgere cittadini, condomini, piccole e medie imprese, enti locali, cooperative, associazioni ed enti religiosi. La potenza degli impianti singoli non potrà superare un megawatt.

Il primo passo nella creazione di una Comunità Energetica Rinnovabile è l’identificazione dell’area in cui verrà installato l’impianto e la cabina primaria. Successivamente, è necessario costituire formalmente la comunità, con l’obiettivo principale di ottenere benefici ambientali, economici e sociali.

L’ente responsabile della gestione di questa misura è il Gestore dei Servizi Energetici (GSE), che valuterà i requisiti di accesso ai benefici e fornirà gli incentivi. Inoltre, su richiesta delle parti interessate, il GSE potrà condurre una verifica preliminare per determinare l’ammissibilità del progetto.

Scarica qui il Decreto CER

Il Ruolo Cruciale dell’Energy Manager nella Pubblica Amministrazione

L'energy manager, un professionista chiave nell'ambito dell'efficienza energetica, trova il suo ruolo particolarmente strategico nel contesto della Pubblica Amministrazione (PA). Questa figura, emersa oltre trent'anni fa e consolidatasi nei settori industriali e nelle...

Innovazione o Illusione? Il Dibattito sul Primo Volo Transatlantico con “Carburante Verde”

Un’impresa pionieristica nel campo dell’aviazione si prepara a fare storia: Virgin Galactic prevede di attraversare l’Atlantico con un Boeing 787 alimentato esclusivamente da un mix di olii riciclati e prodotti vegetali. Tuttavia, questa mossa ha sollevato dubbi sulla...

Decreto CER: Un Passo Avanti nella Transizione Energetica

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha annunciato la pubblicazione di un decreto fondamentale per il futuro energetico dell’Italia. Questo provvedimento legislativo mira a stimolare la creazione e l’espansione delle Comunità Energetiche Rinnovabili...

2024: Rincari energetici? La speculazione sui prezzi non c’entra!

E’ bene chiarirlo subito e senza fraintendimenti. Nel 2024, la spesa energetica delle famiglie italiane è destinata a aumentare, ma non per scelta dei fornitori. Nulla a che vedere con le dinamiche del 2022 e le tensioni sui mercati che hanno fatto registrare prezzi...

Veronesi Protagonisti 2024: Luca De Rosa

"Crescere in modo sostenibile e coerente con i nostri valori, mettendo il Cliente al centro del nostro imprendere". L'Ing. Luca De Rosa, Presidente di Global Power e Amministratore unico di Global Power Plus, si racconta in una intervista a Verona Network. Leggi...

Semaforo giallo sulla fine del mercato tutelato. L’Europa ci guarda.

L'ARERA (Autorità di Regolamentazione per l'Energia, Reti e l'Ambiente), operando in conformità alle disposizioni del recente decreto energia (181/23), ha deliberato il rinvio della scadenza di chiusura del Mercato Tutelato dell'elettricità per i clienti domestici non...

Industria 5.0: Il Ritorno dell’Umanità nel Cuore dell’Automazione

L'avvento dell'Industria 4.0 ha segnato una svolta radicale nella produzione manifatturiera, introducendo l'automazione intelligente e l'interconnessione tra macchine, sistemi e persone. Oggi, mentre ci avviciniamo all'orizzonte dell'Industria 5.0, assistiamo a un...

Da “Phase Out” a “Transitioning away”… Nella COP28 il compromesso sul fossile è un gioco di parole

Il 13 dicembre la presidenza della COP28 a Dubai ha annunciato l’approvazione dell’accordo sui nuovi impegni internazionali per affrontare il cambiamento climatico. Una decisione definitiva e all’unanimità che, tuttavia, ha lasciato aperti ancora molti interrogativi...

CityTree, la parete verde che combatte l’inquinamento assorbendo CO2

In un mondo sempre più preoccupato per l’inquinamento atmosferico, una soluzione innovativa si è affermata nelle città europee per migliorare la qualità dell’aria: i pannelli CityTree, conosciuti come “mangia-smog”, hanno dimostrato di essere altamente efficaci...

Inquinamento del Suolo: Origini e Sostanze Nocive Principali

Negli ultimi decenni, c'è stata una crescente consapevolezza dell'importanza di proteggere l'ambiente e di prendere misure per prevenire l'inquinamento. Questo ha portato alcuni paesi a introdurre regolamenti più rigorosi sulle produzioni e lo smaltimento dei rifiuti....